Ecobonus 2022: cos'è, cosa comprende e come si richiede

Installazione di pannelli solari, pompe di calore e caldaie a condensazione, coibentazione o sostituzione degli infissi con prodotti più sostenibili: in poche parole efficientamento energetico. Ovvero tutte quelle operazioni destinate a contenere i consumi, migliorare l’efficienza energetica delle nostre abitazioni e ottimizzare l’utilizzo delle diverse fonti energetiche. Da qualche anno il governo italiano prevede per questo tipo di interventi incentivi e sgravi fiscali, come l’Ecobonus 2022. Scopriamo insieme cos’è, quali operazioni vi rientrano e come fare per richiederlo. 

Detrazione fiscale Ecobonus: cos’è

Per incentivare e sostenere azioni che rendano sempre più efficienti e sicure le nostre case, il Ministero dello Sviluppo Economico prevede il riconoscimento di alcuni incentivi sotto forma di detrazione fiscale. L’Ecobonus 110 per cento è una di queste: ne possono usufruire cittadini e condomini che effettuano interventi di riqualificazione energetica sui propri immobili. Rientra nella legge di Bilancio 2022 che ha riconfermato i vari bonus edilizi.

Ecobonus 110: come funziona

Ma quali sono i requisiti per accedere all’Ecobonus 110? Secondo quanto si legge sul sito del governo dedicato alla misura sugli incentivi, introdotta dal decreto Rilancio del 19 maggio 2020, e poi prorogata, è necessario “effettuare almeno un intervento cosiddetto trainante”. In base alle linee guida Ecobonus 110 per cento* messe a disposizione dall’Agenzia delle Entrate sono considerati interventi principali o “trainanti":

  • l’isolamento termico (per esempio il cappotto termico) dell’involucro dell’edificio plurifamiliare o unifamiliare, o dell’unità immobiliare situata all’interno purché munita di uno o più accessi autonomi;
  • la sostituzione degli impianti termici con impianti centralizzati sulle parti comuni; 
  • la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale (con impianti ad esempio dotati di pompe di calore) su edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari.

Dopo aver eseguito anche solo uno degli interventi trainanti, il beneficiario può effettuare anche i cosiddetti interventi “trainati” come:

La combinazione di questi due tipi di intervento (trainanti e trainati) dovrà portare ad un miglioramento di almeno due classi energetiche dell’immobile
L’agevolazione Ecobonus 2022 prevista per questo genere di operazioni consiste in una detrazione Irpef o Ires del 110% e si applica a tutte le spese sostenute per l’efficientamento energetico della propria abitazione.
Il contribuente può decidere di richiederlo attraverso lo sconto in fattura oppure può sostenere subito i costi dei lavori e successivamente utilizzare le detrazioni in compensazione per pagare meno tasse o usufruirne attraverso cessione del credito.

Ecobonus 2022 casa

Cessione del credito Ecobonus: esempio** 

In questo caso il contribuente cede il credito a enti terzi (banche, società, esercenti).
Un esempio? Con la cessione della detrazione fiscale a una parte terza, il committente paga fattura piena alla società che effettua i lavori, poi cede il credito a degli intermediari finanziari – banche, poste e istituti di credito - che gli rimborseranno una somma corrispondente a quella del credito.

Sconto in fattura Ecobonus: esempio

In alternativa il beneficiario può realizzare i lavori a costo zero, ricorrendo a uno sconto in fattura da parte dell’impresa che effettua i lavori. In questo caso la ditta applica uno sconto fino al 100% del valore della fattura anticipando al cittadino le spese detraibili e successivamente cedendo il suo credito a banche o altri istituti di credito. Il committente potrà eseguire i lavori senza spendere nulla, mentre l’impresa potrà accedere a un credito d’imposta del 110%. Per esempio, se i lavori ammontano a 10 mila euro e l’impresa applica uno sconto del 100% della fattura, si vedrà riconoscere un credito di 11 mila euro.

Massimali Ecobonus 110 

I limiti di spesa entro i quali usufruire dell’Ecobonus 110 cambiano a seconda del tipo di interventi. Eccone alcuni.

  • Cappotto termico Ecobonus 110***: fino a 50 mila euro per abitazioni unifamiliari o indipendenti; 40 mila per alloggi in edifici plurifamiliari (da 2 a 8 unità); 30.000 per alloggio dal nono in su in edifici plurifamiliari con oltre 8 unità
  • Ecobonus caldaia*** (per la sostituzione di impianti di riscaldamento sia per condomini che per edifici monofamiliari): fino a 30 mila per abitazioni unifamiliari o indipendenti; 20 mila ad alloggio in edifici plurifamiliari da 2 a 8 unità; 15 mila per alloggio dal nono in su in edifici plurifamiliari con più di 8 unità 
  • Ecobonus 110 per cento infissi: fino a 54.545 euro****

Scopri le nostre offerte 100% ECO per la tua casa


Luce e Gas 100% ECO

 

Luce da fonti rinnovabili e gas con compensazione delle emissioni di CO2.

Scopri di più

Luce 100% Green

 

Energia elettrica
da fonti rinnovabili.

Scopri di più

Gas 0% CO2

 

Gas con compensazione
delle emissioni di CO2.

Scopri di più

Ecobonus: come richiederlo

Il primo passo è affidarsi a un tecnico che avvierà uno studio di fattibilità dell’Ecobonus e verificherà quali interventi si possono realizzare, dopo si potrà contattare l’impresa che dovrà effettuare i lavori. A questo punto il beneficiario potrà decidere se sostenere direttamente le spese e usare la detrazione al 110%, o usufruirte dello sconto in fattura. Successivamente si provvederà a ottenere dal comune le autorizzazioni necessarie all’avvio dei lavori.
Oltre a due certificazioni di prestazione energetica (APE), da compilare sia all’inizio che alla fine dei lavori, il tecnico dovrà rilasciare un documento che attesti la conformità dell’intervento ai requisiti tecnici richiesti e la congruità delle spese sostenute.
Il tutto dovrà essere inviato ad ENEA in formato telematico entro 90 giorni dal termine dei lavori o ad ogni stato avanzamento lavori.
I dati da comunicare sono:

  • dati anagrafici del beneficiario;
  • informazioni relative all’immobile oggetto di intervento;
  • tipo di intervento.

Ecobonus 110 per cento: le ultime notizie

Le principali novità contenute nella Legge di Bilancio 2022 riguardano la proroga Ecobonus *****:

  • Fino al 2023 per i condomini e gli edifici composti da due a quattro unità immobiliari.
  • Fino al 2025 per condomini ed edifici composti da due a quattro unità immobiliari ma con una progressiva diminuzione dell’aliquota: al 70% nel 2024 e al 65% nel 2025.
  • Per gli immobili di proprietà delle cooperative, la scadenza sarà il 31 dicembre 2023 se alla data del 30 giugno 2023 sia stato effettuato almeno il 60% delle spese.
  • Proroga al 31 dicembre 2022 per le villette unifamiliari ma senza più vincolo legato al tetto Isee di 25mila euro.
Ecobonus 2022 casa

Riqualificazione energetica e risparmio

Tutti gli interventi citati, dagli involucri termici degli edifici alla sostituzione di impianti di illuminazione e riscaldamento obsoleti con altri più sostenibili ed efficienti, generano una riqualificazione energetica delle nostre abitazioni. Ma per ottimizzare ulteriormente le spese, oltre ad usufruire dei vari incentivi messi a disposizione dallo Stato, è importante affidarsi a un fornitore sostenibile e attento alle nuove politiche energetiche. Con le sue offerte Luce e Gas 100% ECO Acea Energia ti aiuta a tutelare l’ambiente con Luce 100% Green e Gas 0% CO2, dandoti la certezza di fare la scelta giusta per l’ambiente. Scopri le tariffe, trova quella che si abbina meglio alle tue abitudini e inizia a risparmiare.

 

NOTE

* Agenzia delle Entrate | Guida al Superbonus 110%
** Governo Italiano | Superbonus 110%, cos'è?
***Informazione fiscale | Guida alla detrazione del 110, 65 e 50%: lavori ammessi e beneficiari
***Otovo | Massimali Ecobonus 110: cosa devi sapere
**** Informazione fiscale | Superbonus 110%: interventi trainanti, lavori trainati e limiti della spesa
***** Idealista | Superbonus 110 tra proroga, novità e scadenze: cos'è cambiato e le utlime sorprese

12 maggio 2022

 

 

chiudi
Scopri MyAcea Energia

L’area in cui puoi gestire in completa autonomia le tue forniture Luce e Gas

Comunica
l'autolettura

Controlla
i tuoi consumi

Attiva
la domiciliazione

Scegli
Bolletta web

 

Sei già cliente Acea Energia?

Accedi subito alla
tua area riservata

Accedi