Depenalizzazione Tariffaria

In caso di perdite occulte, quelle dovute a rotture in parti dell’impianto non ispezionabili, a valle del contatore, puoi fare richiesta di depenalizzazione tariffaria. Per verificare il danno, i tecnici di Acea Ato2 possono effettuare un sopralluogo a carico del cliente (il sopralluogo ha un costo di Euro 74,89 e viene decurtato dall’eventuale rimborso).
Accertati i requisiti, Acea ATO 2 procederà alla valutazione della rettifica delle bollette. Ti ricordiamo che la depenalizzazione tariffaria è applicabile una sola volta nella vita commerciale dell'utenza, come previsto dalle delibere n.2496/97 e n.1544/98 di Giunta del Comune di Roma.

Tariffe ridotte applicate:

  • Tariffa idrica:
    Alla parte dei consumi eccedenti 4 volte i consumi abituali è applicata la tariffa base, anziché quella di eccedenza
  • Tariffe di fognatura e depurazione.
    Alla parte dei consumi eccedenti 4 volte i consumi abituali non saranno applicate le tariffe relative alla depurazione e alla fognatura

Non sono soggetti invece soggetti a depenalizzazione:

  • UL1 - componente tariffaria pari a Euro 0,0005 al metro cubo, che i gestori di tutta Italia devono applicare ai propri utenti, relativamente alle tariffe di acquedotto, fognatura e depurazione 
  • Contributo di solidarietà

Non possono essere considerate occulte le perdite i cui effetti siano visibili in modo diretto ed evidente. Inoltre non possono essere considerate occulte le perdite non visibili ma verificatesi in ambienti ispezionabili (es. locali caldaia, autoclavi anche interrate, pozzetti galleggianti, serbatoi ecc.).
Nel caso in cui riscontri una perdita occulta, devi provvedere immediatamente a tue spese alla riparazione, scattando fotografie che comprovino l’esistenza del danno e, richiedendo, nel caso di riparazione a mezzo idraulico, che nella fattura rilasciata sia indicata una breve descrizione dell’intervento eseguito.

Puoi effettuare la richiesta utilizzando il "Modulo di Richiesta depenalizzazione tariffaria" a cui dovrà essere allegata:

  • una foto del contatore (prima e dopo la riparazione),
  • la fotocopia di un tuo documento di riconoscimento,
  • la ricevuta fiscale delle spese di riparazione accompagnata dalla dichiarazione dettagliata dei lavori eseguiti.

La documentazione può essere inviata per:

  • email: commerciale.ato2@aceaspa.it
  • pec (posta elettronica certificata): commerciale.ato2@pec.aceaspa.it
  • posta ordinaria: Acea Ato 2, piazzale Ostiense, 2 – 00154 Roma