Ritardato pagamento

Se sei in ritardo con i tuoi pagamenti

In caso di mancato pagamento, riceverai una raccomandata o una pec indicante:

  • il termine ultimo entro cui potrai provvedere all’adempimento, prima di incorrere al distacco della fornitura
  • le modalità e i canali di contatto da utilizzare per dimostrare l’avvenuto pagamento
  • i tempi entro i quali la fornitura potrà essere sospesa.

Detta comunicazione ha valore di costituzione in mora. Se entro 21 giorni dalla data di emissione della raccomandata o Pec non effettui il pagamento e non ne dai evidenza tramite i canali dedicati (elencati in fattura e nella comunicazione di sollecito che hai ricevuto), rischi il distacco della fornitura.
Il distacco per morosità non avrà comunque mai luogo nei giorni considerati festivi, il sabato ed i giorni che precedono i festivi.
Fanno eccezione a questa procedura, i mancati pagamenti di piani di rateizzazione, per i quali nell’accettazione del modulo di richiesta nel quale vi era l’impegno al pagamento delle rate, pena il distacco della fornitura senza ulteriori preavvisi.

Per impedire il distacco della fornitura o consentirne il tempestivo riallaccio devi saldare il debito utilizzando una delle modalità di pagamento indicate nella raccomandata stessa e facendo riferimento all’estratto conto anch’esso allegato.

Per bloccare la procedura di distacco o ottenere il riallaccio dovrai saldare anche le eventuali fatture nel frattempo scadute ed inviare le ricevute di pagamento tramite uno dei canali dedicati. Ti ricordiamo che il servizio è disponibile anche online accedendo all'area clienti MyAcea.
In caso di fornitura già sospesa deve essere pagato sia il distacco che il riallaccio. Detti importi verranno addebitati sulla prima fattura di consumo emessa dopo il riallaccio e variano in base alla società.
La riattivazione della fornitura avviene entro il giorno lavorativo successivo dalla dimostrazione di pagamento.

Trascorsi 20 giorni dall’ avvenuto distacco e permanendo lo stato di morosità della fornitura, cessa d’ufficio la fornitura con conseguente possibilità che  il contatore venga rimosso. In questo caso, per ottenere il riallaccio della fornitura , devi aver saldato tutte le morosità e devi stipulare un nuovo contratto (subentro).