AEMA

Acea Energy Management

Aema (Acea Energy Management) si occupa di assicurare l’approvvigionamento di energia elettrica (oltre che di gas e combustibili) per i clienti interni ed esterni del Gruppo, garantendo il bilanciamento e l’ottimizzazione del portafoglio energetico sia fisico che finanziario. Cura le relazioni commerciali con i principali fornitori di energia elettrica e gas, nazionali ed esteri, e presidia l’efficienza dei processi gestionali per quanto riguarda il rischio sui volumi di consumo per coglierne le variazioni e gestire al meglio il rapporto tra energia approvvigionata e venduta.

Per informazioni o segnalare un reclamo inviaci una richiesta scritta, compilando il modulo online che trovi nella sezione Reclamo all’interno di MyAcea. Al termine della procedura di invio, ti sarà rilasciato il numero identificativo della tua pratica.
Ti ricordiamo che per accedere a MyAcea è necessario registrarsi, se ancora non lo hai fatto clicca qui.

Livelli di qualità commerciale per l'esercente la vendita

Gli esercenti l'attività di vendita sono soggetti al rispetto dei livelli di qualità commerciale definiti da ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), già AEEGSI, ai sensi dell'Allegato A alla delibera 413/2016/R/com. Il mancato rispetto dei livelli di qualità specifici da parte dell'esercente comporta l'erogazione ai clienti finali di un indennizzo automatico definito da ARERA.

Di seguito sono elencati i livelli di qualità commerciale e i valori degli indennizzi automatici stabiliti dall'Autorità relativi all’anno 2016. In tale anno, Acea Energy Management non ha ricevuto alcuna richiesta scritta da parte dei clienti finali.

Si segnala che a partire da gennaio 2017, a seguito delle modifiche normative introdotte con la delibera AEEGSI n. 413/2016/R/com che ha approvato il nuovo “Testo integrato della regolazione della qualità dei servizi di vendita di energia elettrica e di gas naturale – TIQV”, non troverà più applicazione il livello generale relativo alle richieste scritte di rettifica di fatturazione. In caso di mancato rispetto degli standard specifici verrà corrisposto un indennizzo automatico base di 25 euro. Il predetto indennizzo sarà pari a 50 euro se la prestazione avviene oltre un tempo doppio rispetto a quanto normativamente previsto, ma entro un tempo triplo, mentre sarà di 75 euro se avviene oltre un tempo triplo a quanto previsto.