Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/2001

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/2001

La disciplina della “responsabilità degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato” di cui al D.Lgs. n. 231/01 (Decreto) prevede che le società possano essere sanzionate, in via pecuniaria e/o interdittiva, in relazione a taluni reati commessi o tentati – in Italia o all'estero – nell'interesse o a vantaggio della società da parte di persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione della Società o di una sua unità finanziariamente autonoma e funzionale, nonché da persone che ne esercitano, anche di fatto, la gestione e il controllo (cosiddetti soggetti in posizione apicale) e, infine, da persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza dei suddetti.

Come previsto dal Decreto, Acea ha adottato, nel maggio del 2004, il primo Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del Decreto (Modello Organizzativo 231) volto a prevenire la commissione di reati e illeciti amministrativi teoricamente realizzabili nell’ambito dell’attività della Società. Il Codice Etico è parte integrante e principio generale inderogabile dell’adottato Modello Organizzativo 231.

Dopo la prima approvazione, all’esito di specifici progetti e in coerenza con le “Linee Guida per la costruzione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001” di Confindustria, il Modello Organizzativo 231 è stato continuamente aggiornato e migliorato alla luce dell’esperienza maturata, dell’evoluzione giurisprudenziale e dottrinale oltre che dell’evoluzione normativa del Decreto e dei mutamenti organizzativi aziendali.

In coerenza con le previsioni del Decreto e del Modello Organizzativo 231, Acea si è dotata di un Organismo di Vigilanza, al quale sono affidati i compiti di vigilanza sull’effettività e osservanza del Modello e sulla sua diffusa ed efficace attuazione e di predisposizione delle proposte di aggiornamento, integrazioni, correzioni o modifiche laddove emergano esigenze di adeguamento dello stesso in relazione alle mutate condizioni aziendali e normative.

I Destinatari del Modello Organizzativo 231 possono segnalare all’OdV eventuali inosservanze allo stesso tramite l’indirizzo di posta elettronica organismodivigilanza231@aceaspa.it oppure per posta cartacea all’Organismo di Vigilanza di Acea SpA  - P.le Ostiense, 2 - 00154 Roma.

Acea promuove l’adozione e l’efficace attuazione da parte delle società controllate del Gruppo di propri Modelli 231 coerenti con i principi e i presidi di controllo previsti in quello di Capogruppo.