Trinità dei Monti

Acea illumina la chiesa e la scalinata di Trinità dei Monti

Riapre la scalinata di Trinità dei Monti e risplende con la nuova illuminazione con tecnologia led a cura di Acea commissionata dalla Sovrintendenza di Roma Capitale. La chiesa della S. Trinità dei Monti e la scalinata, simboli indiscussi del patrimonio artistico della capitale, ritornano a brillare, dopo un restauro durato dieci mesi. 

La particolarità della scalinata, realizzata tra il 1723 e il 1726 su progetto dell’architetto romano Francesco De Sanctis, ha previsto un progetto illuminotecnico dedicato, proprio per esaltare la forma concava e convessa delle pareti e delle rampe simmetriche, cosiddette "a tenaglia", I tecnici Acea hanno quindi optato per l’uso di due diverse tipologie di ottiche per la distribuzione della luce sulla scalinata: alcune circolari,  ideali per le pareti esterne, altre di tipo asimmetrico per guidare in maniera più precisa i fasci di luce. Con questa nuova tecnologia si è passati a un risultato finale di grande efficacia e luminosità con un effetto di luce bianco caldo e una riduzione di circa il 50% della potenza.

Anche la chiesa della S. Trinità dei Monti ritorna a splendere con la nuova illuminazione a led, che ha sostituto il vecchio impianto con tecnologia a scarica nei gas. Sono stati impiegati 16 proiettori di ridotte dimensioni con una potenza di 40 W ciascuno, con temperatura di colore di 4000K. Con l’attuale sistema a led si è passati da 1300 W a 640 W, con una riduzione significativa dei consumi di energia elettrica.