Variazione potenza

Cos'è la variazione di potenza contrattuale

La potenza contrattuale è il livello di potenza indicato nel tuo contratto e reso disponibile dal fornitore. La richiesta di una determinata potenza contrattuale viene definita al momento della conclusione del contratto e per la maggior parte delle abitazioni è pari a 3kW.  

Per scegliere la potenza adatta alle tue esigenze, devi tenere in considerazione:

  • gli scaglioni di potenza disponibili per la stipula del contratto 
  • il tipo di uso che farai dell’energia elettrica. 

Sono previsti i seguenti impegni di potenza:

  • 1,5 kW – 3 kW –  4,5 kW – 6 kW (limite dello scaglione se la tensione di rete è 220/127 con sistema monofase);
  • 10 kW – 15 kW - 20 kW - 25 kW - 30 kW (limite dello scaglione se la tensione di rete è 380/220 con sistema trifase).

In qualunque caso la potenza massima che ti verrà messa a disposizione sarà pari al valore della potenza contrattuale richiesta aumentata del 10%.
Per potenze superiori ai limiti sopra riportati e fino a 100 kW, si possono stipulare contratti per la potenza richiesta (senza l’incremento del 10%) con scaglione di tensione trifase.
Le potenze superiori ai 100 kW vanno richieste direttamente al Distributore.
Successivamente alla stipula potrai comunque modificare la potenza impegnata.

Ricordati di tenere a portata di mano:

  • Il tuo codice fiscale
  • Un documento d’identità in corso di validità
  • Il codice pod che trovi sulla prima pagina della tua bolletta.
  • Accedi o iscriviti a MyAcea
  • Vai alla sezione Contratti, Preventivi e compila la richiesta di Modifica Tensione/Potenza.