Guida ai Parchi Nazionali
più belli d’Italia

Un parco nazionale è un’area naturale protetta per la tutela e la valorizzazione del suo ecosistema, specialmente rispetto a inquinamento e antropizzazione. L’obiettivo finale è quello di garantirne l’integrità e la biodiversità.  Un parco nazionale, però, non è solo questo, è anche un’esperienza unica da fare immersi nella natura. Ecco quali sono i parchi naturali in Italia da visitare almeno una volta nella vita.

Quanti parchi nazionali ci sono in Italia?

In Italia i parchi nazionali sono aree naturali preservate: possono essere terrestri, fluviali, marine o lacustri. Come accennato, l’obiettivo è valorizzare uno o più ecosistemi intatti presenti nell’area. Oggi in Italia i parchi nazionali iscritti nell’EUAP (cioè l’Elenco ufficiale delle aree naturali protette) sono venticinque. Le loro superfici corrispondono al 5,3% dell’intero territorio nazionale. I più antichi parchi naturali in Italia sono stati istituiti all’inizio del secolo scorso, a partire dagli anni Venti. La lorosalvaguardiaprosegue ancora oggi, attraversoun continuo percorso di valorizzazione e custodiadegli ecosistemi naturali.

Parco nazionale del Gran Paradiso: il più antico d’Italia

Il Parco nazionale del Gran Paradiso, il cui nome in francese è Parc national du Grand-Paradis, è la prima area protetta, istituita addirittura il 3 dicembre del 1922. Abbraccia ben 13 comuni, tra la Valle d’Aosta e il Piemonte, per oltre 71.000 ettari. Il suo animale simbolo, che durante l’Ottocento rischiò l’estizione, è lo stambecco, mammifero tipico di queste zone. Con un attento e lungo lavoro, gli stambecchi hanno ripreso a popolare la riserva del Gran Paradiso, divenendo la mascotte dell’intero Parco. Il Gran Paradiso è un massiccio montuoso, con ghiacciai perenni e paesaggi incantevoli sia in estate che in inverno. Nel 2014 è stato ammesso, come unico parco italiano, nella prestigiosa Green List mondiale delle aree protette.

Parchi Nazionali in Italia

Parco nazionale del Circeo

Il parco nazionale del Circeo è tra i più antichi d’Italia, istituito nel 1934. Si sviluppa lungo la costa tirrenica laziale, tra Anzio e Terracina, per una superficie di quasi 9.000 ettari. La zona è interessante sotto molti punti di vista: geologico, speleologico, climatico e per una biodiversità di rilievo. A questi territori si lega anche la leggenda secondo cui il profilo del monte Circeo sarebbe in realtà il viso addormentato   della ninfa mitologica che abitava quei luoghi, al tempo conosciuti come Isola di Eea. Il nome del monte è legato a questa figura femminile, dalla chioma scura e la voce cristallina, appellata Circe nell'Odissea di Omero. Il mito incontra la realtà attraverso le grotte presenti lungo tutta la costa del parco nazionale, testimoni silenziose di antichissime tracce di occupazione umana. Nel 1939, all’interno della grotta Guattari, è stato rinvenuto un cranio di tipo neanderthaliano. Splendide anche le numerose grotte marine, come quella delle Capre o la grotta dell’Impiso.

Parco nazionale dello Stelvio

Tornando al Nord Italia, un’altra storica area naturale è il Parco nazionale dello Stelvio. Istituito nel 1935, oggi abbraccia ben 24 comuni tra le province di Bolzano, Brescia, Sondrio e Trento con un’estensione di oltre 130.000 ettari. Il parco è nato con lo scopo di tutelare la biodiversità e gli ecosistemi del gruppo montuoso Ortles-Cevedale, nonché per promuovere un turismo sostenibile.

È celebre, inoltre, per il Passo dello Stelvio, noto in tutto il mondo grazie ai suoi tornanti e ai suoi paesaggi che l’hanno reso meta ambita di escursionisti, ciclisti e motociclisti. Il parco, grazie anche alla sua estensione, include una ampia varietà di ecosistemi, con grandi dislivelli che vanno dai 650 metri sul livello del mare, ai 3.900 dei ghiacciai. La fauna e la flora vengono attentamente preservate ed è per questo che numerose specie in vie di estinzione trovano qui accoglienza.

Scopri le nostre offerte 100% ECO per la tua casa


Luce e Gas 100% ECO

 

Luce da fonti rinnovabili e gas con compensazione delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Luce 100% Green

 

Energia elettrica
da fonti rinnovabili.

SCOPRI DI PIÙ

Gas 0% CO2

 

Gas con compensazione
delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Parco nazionale dell'Isola di Pantelleria

L’area naturale protetta più recente è in Sicilia, ed è stata istituita il 28 luglio 2016. Abbraccia l’intera isola di Pantelleria, in provincia di Trapani, con un’estensione di 6.500 ettari. Pantelleria ospita molti tipi di fauna e di flora, anche grazie alle sue diverse quote. I paesaggi naturali fanno del parco nazionale un luogo incontaminato e incantevole, da visitare sicuramente almeno una volta nella vita.

Parchi Nazionali in Italia

Parco nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena

Tra le zone più belle d’Italia, La Maddalena ha sicuramente un posto d’onore. Il suo parco nazionale è stato istituito nel 1994 e si estende per tutto l’omonimo arcipelago, per un totale di oltre 5.000 ettari di terre e più di 15.000 ettari di superficie marittima. Il territorio è infatti prevalentemente marino, occupando il 78% del totale e fa parte di un’area, condivisa con la Francia e il Principato di Monaco, chiamata “Santuario per i mammiferi marini”. Si tratta di un’area naturale marina protetta che in Italia coinvolgere Liguria, Sardegna e Toscana. Anche per questo La Maddalena, con le sue isole e isolotti, è un luogo indimenticabile e ricco di natura e di fascino.

Parco nazionale del Gargano

Istituito alla fine del 1991, il parco nazionale del Gargano è una delle aree protette più estese di Italia con oltre 118.000 ettari e si trova all’interno della provincia di Foggia, in Puglia. Il territorio comprende parte dello sperone d’Italia e le quattro isole Tremiti. Il parco è caratterizzato dal carsismo, cioè dalla presenza di doline, grotte marine e conche disseminate per il territorio. L’interno ospita molte faggete, la tipica macchia mediterranea e boschi misti.

Parco nazionale della Maiella

Il parco nazionale della Maiella è stato istituito nel 1991 e comprende le province di Pescara, L’Aquila e Chieti. Si raccoglie intorno al grande massiccio della Maiella. Include ben 39 comuni, per oltre 74.000 ettari totali. Dal 2021 è stato inserito all’interno del sistema dei geoparchi mondiali Unesco. La Maiella regala paesaggi unici in estate come in inverno, grazie alla sua grande estensione e alle sue diverse altitudini.

Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Sempre nel 1991, è stato istituito il parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, il più esteso in Italia con oltre 148.000 ettari. La riserva naturale è per lo più in Abruzzo e si sviluppa principalmente tra le province dell’Aquila, Teramo e Pescara, ma è in parte anche nel Lazio e nelle Marche. La flora è varia, anche a seconda della zona e della quota. Fiore tipico dell’area è la suggestiva Stella Appenninica del Gran Sasso. Gli animali tipici che abitano il parco sono i camosci d’Abruzzo, endemico degli Appennini, ma anche rapaci rari come l’aquila reale, il falco pellegrino e il gufo reale. Il parco include anche il territorio del cratere abruzzese. Presenta inoltre zone splendide da riscoprire, come Calascio, Santo Stefano di Sessanio, Campotosto e Castelli.

 

 

chiudi
Entra in MyAcea

Gestisci in totale autonomia il tuo contratto dall’area clienti

Attiva
la Bolletta Web

Paga
una fattura

Comunica
l'autolettura

Sottoscrivi
un nuovo contratto

 

Non sei registrato a MyAcea?

Crea adesso il tuo account.
Ci vorranno solo pochi minuti.

Registrati