Le comunità energetiche rinnovabili


TEMPO DI LETTURA:
3 min.


 

Una comunità attiva in grado di produrre, scambiare e consumare energia in modo da essere autosufficiente è una comunità energetica rinnovabile, in cui l’energia viene condivisa e in cui i cittadini sono coinvolti nello sviluppo sostenibile della loro città.

Che cos’è una comunità energetica?

Uno strumento per la condivisione dell’energia tra i cittadini. Si tratta di un concetto che ha valenze sia sociali sia tecniche. A livello sociale infatti le comunità energetiche possono creare sviluppo e aggregazione a livello locale. Mentre i benefici tecnici sono dati perché nel momento in cui le persone a livello locale producono e consumano la propria energia, li si spinge ad essere virtuosi nei consumi 1.

Un circuito, quello dell’autoproduzione e dell’autoconsumo di energia sostenibile, che in Italia ha avuto il via libera con l’approvazione del decreto Milleproroghe. Grazie a questa nuova normativa infatti, i condomini, le famiglie e le imprese possono produrre energia verde e condividerla con altri cittadini, creando nuove comunità energetiche in Italia2.

Comunità energetica

La prima comunità energetica agricola è in Veneto

Le comunità energetiche italiane sono numerose e prevedono progetti di autoconsumo collettivo a cui partecipano piccoli comuni, le aziende oppure i nuclei famigliari. Per esempio dalla collaborazione tra Coldiretti Veneto e la società ForGreen, un’associazione di 514 aziende e possessori di impianti a energia rinnovabile, è nata la prima comunità energetica agricola veneta. Qui l’energia viene prodotta sia in autoconsumo sia per cederla a terzi, con un risparmio di circa 6.364 tonnellate l’anno di CO23.


GECO è una comunità energetica bolognese

L’iniziativa parte da due aree periferiche della città, quella di Pilastro e quella di Roveri. La comunità si chiama GECO, ossia Green Energy Community, e il progetto è condotto da ENEA e dall’Università di Bologna.

Ridurre il consumo e lo spreco di materie prime, partendo dall’energia, e integrando il cambiamento culturale con scelte ecologicamente sostenibili, promuovere una società inclusiva ed equa, per contrastare la povertà energetica 4.

La prima comunità energetica alpina è in Lombardia

In Lombardia è Tirano a candidarsi come prima comunità energetica rinnovabile alpina. Il Comune fa parte della rete dei Comuni rinnovabili al 100% e ora l’idea è quella di far evolvere il progetto puntando sull’autonomia energetica, in modo da creare maggiore attrattività per le imprese e nuovi posti di lavoro5.

Anche il Lazio fa parte delle comunità energetiche rinnovabili

Con il progetto europeo ReDream anche il Lazio entra a far parte della rete delle comunità energetiche rinnovabili. Protagonista di questa transizione è il Bio-Distretto della Via Amerina e delle Forre, in provincia di Viterbo, dove diverse centinaia di produttori agricoli impegnati nelle filiere ortofrutticole, vinicole, zootecniche e di trasformazione di prodotti di eccellenza, ora potranno produrre, consumare e vendere energia grazie alle fonti rinnovabili6.

Comunità energetica

Acea Energia e l’energia sostenibile

Noi di Acea Energia, da sempre attenti ai cambiamenti e alle nuove esigenze dei nostri clienti, abbiamo pensato a offerte 100% ECO, per rispondere a stili che hanno come mantra di vita sostenibilità, trasparenza e rispetto per la comunità. Tra queste offerte c’è  Acea Come Noi con la quale puoi avere gli stessi vantaggi economici che hanno gli operatori energetici; ossia le componenti Luce e Gas al prezzo all’ingrosso con un piccolo contributo mensile.



A proposito di sostenibilità, noi siamo 100% ECO

Scopri le nostre offerte.

 

chiudi
Entra in MyAcea

Gestisci in totale autonomia il tuo contratto dall’area clienti

Attiva
la Bolletta Web

Paga
una fattura

Comunica
l'autolettura

Sottoscrivi
un nuovo contratto

 

Non sei registrato a MyAcea?

Crea adesso il tuo account.
Ci vorranno solo pochi minuti.

Registrati