Come illuminare il tuo negozio: consigli e soluzioni smart

La luce non è solamente uno strumento per illuminare. Specialmente per chi ha o sta per aprire un negozio, fornire la giusta luce alla propria vetrina significa attirare l’attenzione dei passanti, costruire un’identità forte e perfino aumentare le vendite. L’illuminazione dei negozi è un aspetto molto importante: può fare la differenza sia in un dinamico viale commerciale, sia in una via più defilata. Senza dimenticare la giusta illuminazione nei camerini, che può fare la differenza durante il processo d’acquisto. Scopriamo insieme alcuni consigli per le migliori luci per negozi.

Illuminazione per negozi: le vetrine creano subito carattere

L’illuminazione delle vetrine è il primo biglietto da visita di un negozio, insieme all’insegna. L’allestimento, di cui la luce gioca un ruolo da protagonista, è infatti il motivo per cui le persone si fermano a guardare le vetrine, la loro attenzione viene catturata e decidono di entrare. Non bisogna quindi mai sottovalutare questo aspetto. Come illuminare una vetrina di un negozio nel pratico? Dipende dai punti luce, dall’atmosfera e dall’esposizione. Le luci a led per le vetrine dei negozi sono la scelta più diffusa. Acquistabili anche in comode strisce, forniscono subito un’illuminazione chiara e diffusa. I faretti, invece, possono fornire un fascio di luce diretto e ben indirizzato, perfetto se abbiamo in esposizione alcuni oggetti su cui porre l’attenzione. Infine, se l’atmosfera e il carattere del negozio lo consentono, si può optare anche per punti luce fuori dal comune, come gli abat-jour. Questi elementi conferiscono subito un tocco speciale all’ambiente. Per una vetrina di carattere, poi, non vanno dimenticate le luci colorate, se lo stile del negozio lo consente.

Come illuminare le vetrine di un negozio

Illuminazione a led per negozi: come fare luce all’interno

L’illuminazione a led rimane la scelta ideale per i negozi che espongono i prodotti con scaffali o mensole. In libreria, per esempio, l’illuminazione uniforme viene spesso fornita tramite strisce a led. Applicate in maniera sia orizzontale che verticale, riescono a fornire punti luce anche nascosti e diffusi. L’illuminazione a sospensione per negozi, invece, viene prediletta soprattutto da chi ha la possibilità di riempire ampi spazi vuoti. Le lampade a sospensione possono avere altezze diverse e anche questo determina il carattere dell’ambiente. Va ricordato, infatti, che la luce è un complemento d’arredo a tutto tondo. Una luce sbagliata può mortificare un ambiente, così come la giusta luce può esaltarlo al meglio. Anche negli ambienti interni si possono richiamare punti luce di diverso tipo, che aiutano a definire il carattere del negozio. Non esistono solo i faretti nell’illuminazione dei negozi. Abat-jour, luci cinematografiche, piantane dal gusto vintage, paralumi di carta, applique a globo: le possibilità sono davvero infinite.

Scopri le nostre offerte 100% ECO per il tuo business


Luce e Gas 100% ECO

 

Luce da fonti rinnovabili e gas con compensazione delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Luce 100% Green

 

Energia elettrica
da fonti rinnovabili.

SCOPRI DI PIÙ

Gas 0% CO2

 

Gas con compensazione
delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Illuminazione in negozio: la luce giusta anche nei camerini

Quante volte vi sarà capitato di provare un paio di pantaloni nel camerino di un negozio e di non gradire l’immagine riflessa nello specchio? Purtroppo, può capitare. La luce sbagliata in camerino può fare la differenza. Una luce morbida e calda, con poco contrasto, è di sicuro aiuto all’interno dei camerini. Al contrario una luce diretta, fredda o che crea alto contrasto, è assolutamente da evitare. L’ideale, poi, sarebbe riservare la giusta distanza tra lo specchio e la persona. Un camerino troppo stretto può infatti accentuare una luce sbagliata.

Lo stesso discorso, ovviamente, vale per l’illuminazione nei pressi degli specchi in negozio, anche fuori dai camerini. Una luce morbida è sicuramente da preferire rispetto a faretti diretti con alto contrasto.

Come illuminare le vetrine di un negozio

Illuminazione per negozi: temperatura e luminosità

Quando si progetta l’illuminazione di un negozio bisogna fare molta attenzione a due aspetti fondamentali: la temperatura e la luminosità. Quanta luce cerchiamo e di che “colore” ci occorre? Anche questo, infatti, determina in maniera netta il carattere e l’atmosfera che ricerchiamo. Se il negozio in questione vuole presentarsi come un ambiente rilassato, raccolto, la luminosità può non essere altissima. Meglio preferire diversi punti luce, per un fascio diffuso e morbido. Viceversa, se cerchiamo chiarezza, è opportuno orientarsi verso lampadine con alta luminosità. In questo caso, comunque, è determinante creare punti di luce più netti e punti più in ombra: aiuteranno a guidare lo sguardo del cliente all’interno del negozio. Anche la temperatura dell’illuminazione è cruciale, sia in negozio che nelle vetrine. Le luci eccessivamente fredde, ad esempio, non sono adatte per chi vuole comunicare un’atmosfera intima. Possono invece essere la scelta ideale per l’illuminazione delle vetrine di negozi che espongono gioielli: aiutano a far risaltare i toni freddi di collane d’argento e pietre preziose.

La classificazione della temperatura dell’illuminazione

La temperatura della luce si distingue in calda, fredda o neutra. La luce calda è quella che possiede una temperatura tra i 2700 e i 3500 Kelvin. Si dice calda perché la sfumatura della luce è sui toni dell’arancione, del rosso e del giallo. La luce neutra è quella più vicina al bianco e la sua temperatura va dai 3500 K ai 5300 K circa. Proprio grazie alle sue sfumature bianche, è un tipo di luce che non appesantisce e non altera i colori. La luce fredda, riconoscibile proprio grazie alle sfumature verdi, azzurre e bluastre, è quella che supera i 5000 K.

Illuminazione per negozi: anche la bolletta gioca la sua parte

Infine, dopo aver correttamente progettato l’intera illuminazione del negozio, è importante fare i conti anche con la bolletta dell’energia elettrica. Il costo della luce può essere infatti una voce di impatto sul bilancio mensile di una attività. L’intero impianto di illuminazione può rimanere in funzione, costantemente, per diverse ore al giorno. Dall’apertura fino alla chiusura serale. Ecco perché scegliere la giusta offerta per la luce non è mai banale. In più con un fornitore responsabile come Acea Energia l’energia elettrica fornita proviene esclusivamente da fonti rinnovabili attestata dalla "Garanzia d'Origine". Una scelta 100% Green.

20 dicembre 2021

 

 

chiudi
Scopri MyAcea Energia

L’area in cui puoi gestire in completa autonomia le tue forniture Luce e Gas

Comunica
l'autolettura

Controlla
i tuoi consumi

Attiva
la domiciliazione

Scegli
Bolletta web

 

Sei già cliente Acea Energia?

Accedi subito alla
tua area riservata

Accedi