Calcolo illuminotecnico: come effettuarlo e a cosa serve

Illuminare correttamente gli ambienti serve a realizzare degli interni perfetti e a ottimizzare le spese per l’energia elettrica. Ma come è possibile conoscere la quantità esatta di luce utile a illuminare una stanza? Per ottenere un’illuminazione adeguata è indispensabile effettuare il calcolo illuminotecnico. Solo in questo modo si potrà conoscere il posizionamento e il numero di lampade necessarie a ottenere la giusta illuminazione. Il calcolo illuminotecnico serve ad ottenere informazioni precise sul tipo di illuminazione, sul numero di lampadine necessarie e su dove ubicarle. Tutte queste informazioni si rivelano preziose per progettare gli spazi e verificare lo stato di illuminazione ambientale. Vediamo nel dettaglio come calcolare i parametri illuminotecnici di una stanza e quali vantaggi offre questa operazione.

Cos’è il calcolo illuminotecnico

L’illuminotecnica è la disciplina che si occupa dell’illuminazione di spazi e ambienti, sia esterni che interni, sfruttando la luce solare o artificiale. Conoscere questa disciplina tecnico-scientifica permette di avere delle buone basi per realizzare un progetto di illuminazione artificiale. Il calcolo illuminotecnico si riferisce quindi alla posizione e al numero di luci necessarie per disporre di un’illuminazione ottimizzata. Prima di effettuare il calcolo bisogna prendere in considerazione una serie di parametri. Rientrano tra questi l’arredamento della stanza, le pareti e i pavimenti. Vanno inoltre considerati i colori e le sorgenti luminose presenti. Per concludere si ha bisogno di utilizzare anche la scheda tecnica della luce LED per eseguire il calcolo.

Il calcolo illuminotecnico viene utilizzato per illuminare ambienti domestici e non solo. Anche negozi, ristoranti, giardini e perfino i campi da calcio beneficiano di questa formula, adatta a stabilire il numero ideale di lampade per avere una perfetta qualità visiva.

Calcolo illuminotecnico

Le variabili del calcolo illuminotecnico

Il calcolo illuminotecnico serve quindi a definire numero e potenza dei corpi illuminanti da installare, in base alle norme in vigore, per l’ambiente scelto. Le variabili da esaminare per effettuare il calcolo illuminotecnico sono numerose. Scopriamole insieme:
 

  • Quantità di luce
  • Fonti di luce
  • Scelta degli apparecchi illuminati (luci)
  • Dimensioni del locale
  • Materiali utilizzati
  • Disposizione delle luci
  • Tipo di lampada
  • Colore delle pareti
  • Caratteristiche del soffitto

Per conoscere tutti i fattori utili alla definizione del calcolo è necessario analizzare le schede tecniche delle lampade.

Scopri le nostre offerte 100% ECO per la tua casa


Luce e Gas 100% ECO

 

Luce da fonti rinnovabili e gas con compensazione delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Luce 100% Green

 

Energia elettrica
da fonti rinnovabili.

SCOPRI DI PIÙ

Gas 0% CO2

 

Gas con compensazione
delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Come effettuare il calcolo illuminotecnico

Gli elementi che concorrono ad effettuare il calcolo illuminotecnico sono tre: fattore di utilizzazione (U), fattore di manutenzione (M) e coefficiente di riflessione (R).
 

  • Fattore di utilizzazione (U): dipende dalla lampada ed è influenzato dal modo in cui avviene la distribuzione della luce, ovvero diretto, indiretto o misto. Nel primo caso si ha un fascio di luce mirato e indirizzato verso un punto specifico. La luce indiretta è invece quella che giunge uniforme, come il sole che passa tramite le finestre. Quella mista combina invece la luce diretta e indiretta.
  • Fattore di manutenzione (M): questo fattore dipende dal processo di invecchiamento, dalla manutenzione e dalla sostituzione della lampada. Si tratta, quindi, di un fattore destinato a cambiare nel tempo e calcolato in base alla variazione intervenuta rispetto allo stato iniziale. Ogni impianto di illuminazione è infatti soggetto a deteriorarsi e necessita di una regolare manutenzione. Il periodo e gli intervalli in cui effettuare le manutenzioni dipendono dai luoghi in cui sono installate le lampade. In un ambiente in cui si accumula più sporco, come ad esempio un magazzino, la manutenzione va effettuata molto più frequentemente.
  • Coefficiente di riflessione (R): dipende dal colore della parete ed è l’unico fattore non direttamente dipendente dalla lampada. Quando si effettua il calcolo illuminotecnico per una parete di colore chiaro, ad esempio, il coefficiente R risulta maggiore. Di contro, per le pareti scure, il coefficiente di riflessione è inferiore. Questo parametro varia inoltre in funzione del materiale e dell’efficienza della luce riflessa. Si ha un coefficiente R differente a seconda che si tratti di alluminio, legno o intonaco.
Calcolo illuminotecnico

Formula calcolo illuminotecnico

È possibile effettuare il calcolo illuminotecnico online? Su internet esistono alcuni portali che permettono di effettuare il calcolo di illuminazione dei locali. Per farlo bisogna specificare le dimensioni in metri della camera: lunghezza, larghezza, altezza del soffitto, luce e numero di lampade. Tuttavia, qualsiasi software illuminotecnico gratis rischia di avere funzioni limitate e di non svolgere nel migliore dei modi il calcolo illuminotecnico. Le unità di misura che servono per effettuare al meglio il calcolo illuminotecnico sono Lumen (lm), Lux (lx) e Nit (nt). Il primo delinea la quantità di luce irradiata in tutte le direzioni da una sorgente luminosa. Il lux è la quantità di luce che colpisce la superficie e il Nit è la luminanza, ossia l’effettiva entità di un fascio luminoso che ha come sorgente una superficie, di dimensioni piuttosto estese, presa in considerazione nella direzione dell’osservatore della luce stessa.

In soccorso giungono anche i software illuminotecnici. Questi servono infatti per escludere dal calcolo i fattori di potenza delle perdite dell’alimentatore o del trasformatore. La formula per il calcolo illuminotecnico è:

Flusso luminoso totale = Em S / U M.

In questa formula:
 

  • per EM si indica l’illuminazione media che si intende ottenere
  • S è la superficie totale in metri quadrati
  • U e M sono rispettivamente i fattori di utilizzazione e manutenzione di cui sopra.

Partendo da tale formula si ottiene il flusso luminoso da dividere per la potenza della singola lampadina. In questo modo si ricava il numero esatto di lampade a LED per illuminare adeguatamente un ambiente.  

Riassumendo, dunque, l’illuminamento medio (espresso in lux) si moltiplica per i metri quadrati della superficie del locale. Il risultato ottenuto si divide per il prodotto tra il fattore di manutenzione e il fattore di utilizzazione. Il fascio luminoso complessivo, diviso per la potenza della lampada, consente di ricavare il numero di lampade a LED necessarie per illuminare il locale esaminato.

A cosa serve il calcolo illuminotecnico

Il calcolo illuminotecnico è utile da fare per allestire al meglio un ambiente domestico o lavorativo. Questa formula serve a ricavare una serie di informazioni che altrimenti sarebbe impossibile reperire. Una illuminazione corretta e a regola d’arte consente inoltre di risparmiare sull’energia elettrica. Anche per questo motivo, in ragione dell’elevato numero di parametri da considerare, è sconsigliato effettuare il calcolo in autonomia.

Effettuare il calcolo illuminotecnico e illuminare correttamente non basta per risparmiare sulle bollette: è fondamentale scegliere luci a LED o delle lampadine smart per ottimizzare i consumi, ma anche scegliere un fornitore affidabile. Scopri le offerte luce e gas di Acea Energia: in un colpo solo starai dalla parte dell’ambiente e potrai risparmiare tempo ed energia.

Scegliendo Acea Energia ti impegni in prima persona a tutelare l’ambiente, grazie alle offerte 100% ECO. Luce 100% Green prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili e certificata con “Garanzia d’origine”, e Gas 0% CO2 che permette di compensare l’emissione di anidride carbonica prodotta con i consumi acquistando crediti di carbonio certificati (VER: Verified Emission Reduction) che ci permettono di azzerare la quantità di CO2.

13 dicembre 2021

 

 

chiudi
Scopri MyAcea Energia

L’area in cui puoi gestire in completa autonomia le tue forniture Luce e Gas

Comunica
l'autolettura

Controlla
i tuoi consumi

Attiva
la domiciliazione

Scegli
Bolletta web

 

Sei già cliente Acea Energia?

Accedi subito alla
tua area riservata

Accedi