Dalla sedia a rotelle elettrica alla handbike: la mobilità per disabili è sempre più green

La mobilità del futuro è inclusiva e sostenibile. Si discute di questo argomento ancora più spesso negli ultimi tempi, anche a seguito della pandemia che ha spinto a rivedere il sistema tradizionale dei trasporti. Quali sono, però, gli sforzi fatti per rendere la mobilità inclusiva? Quando si parla di mezzi di trasporto per disabili ci si trova ancora a confrontarsi con lo spinoso argomento delle barriere architettoniche e non solo. Handbike, sedie a rotelle elettriche, auto e biciclette speciali per disabili: vediamo quali sono le caratteristiche di questi mezzi e quali sono le agevolazioni per chi li acquista.

Handbike: cos’è, come funziona e agevolazioni

Quando si parla di handbike la prima associazione è subito quella alla disciplina paraolimpica, la cui fama in Italia è esplosa grazie ad Alex Zanardi. L’handbike non è soltanto uno sport, rappresenta un ottimo modo per tenersi allenati.
Formata da un telaio su cui stare seduti o sdraiati, è composta da tre ruote: una anteriore e due posteriori. La prima è collegata allo sterzo ed è quella motrice, in quanto associata alle pedivelle tramite la catena. Le altre due servono invece a garantire equilibrio e stabilità al mezzo. L’azionamento del freno è garantito da leve, che agiscono sulla ruota anteriore.  

A livello normativo l’handbike è equiparata al triciclo a pedale e all’uniciclo. Per uniciclo si intende un “dispositivo adatto a rendere polivalente una carrozzina a propulsione manuale. L’applicazione di tale unità trasforma una carrozzina riducibile e/o a telaio rigido in una carrozzina da strada mediante un sistema rapido di attacco e stacco attivato direttamente dal disabile, con possibilità quindi di lunghi percorsi stradali a maggiore velocità”.

Le handbike rientrano tra i mezzi che possono beneficiare del bonus bici, valido per acquisti effettuati dal 4 maggio 2020 al 31 dicembre 2020, oppure a partire dal 1 gennaio 2021 a fronte della rottamazione di altri veicoli. Il bonus dà diritto ad un contributo pari al 60% della spesa sostenuta e, comunque, entro i 500 Euro, per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita o handbike, nuove o usate, nonché veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica o per l'utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante autovetture

La parte non rimborsabile è detraibile al 19%, in qualità di spesa sanitaria, in sede di denuncia dei redditi.

Mezzi di trasporto per disabili

Sedia a rotelle elettrica: una scelta sostenibile

Per verificare se si ha diritto a beneficiarne gratuitamente è possibile consultare gli uffici ASL del proprio territorio. Solo a quel punto è possibile presentare domanda. Le carrozzine motorizzate sono pensate per uso interno o esterno. Nel secondo caso presentano ruote particolarmente resistenti e adatte a circolare anche sull’asfalto. Si tratta inoltre di veicoli sostenibili: per la loro ricarica si possono sfruttare, ad esempio, le colonnine elettriche.

Scopri le nostre offerte 100% ECO per la tua casa


Luce e Gas 100% ECO

 

Luce da fonti rinnovabili e gas con compensazione delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Luce 100% Green

 

Energia elettrica
da fonti rinnovabili.

SCOPRI DI PIÙ

Gas 0% CO2

 

Gas con compensazione
delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Biciclette elettriche per disabili: tipologie e bonus

Al pari dell’handbike, anche la bicicletta elettrica per disabili rientra tra le spese mediche da portare in detrazione. Come chiarito dall’Agenzia delle Entrate, questo beneficio è riservato esclusivamente alle persone disabili. In caso di disabilità certificata, con ridotte o impedite capacità motorie, la spesa bici elettrica per disabili è detraibile al 19%. Si può portare in detrazione l’intero importo sostenuto, senza tener conto della franchigia di 129,11 euro. La detrazione può essere fruita anche dal familiare che ha sostenuto la spesa del quale la persona con disabilità è a carico.

Tipologie di biciclette elettriche per disabili

Per quanto riguarda le tipologie di biciclette elettriche per disabili, la distinzione è tra motorizzate e manuali. Queste ultime sono pensate soprattutto per competizioni sportive, mentre le motorizzate dispongono di un motore che supporta la pedalata assistita. Al pari di una comune e-bike, dunque, permette di gestire il livello di assistenza da applicare in base allo sforzo sui pedali. Le biciclette elettriche per disabili si differenziano in base alle singole esigenze. Esistono ad esempio tandem particolarmente adatti agli ipovedenti, oppure una bicicletta per disabili a tre ruote che conferisce una maggiore stabilità. Questa soluzione è perfetta per chi ha perso la funzionalità di uno o più arti e può avere inoltre difficoltà a gestire il cambio (e i rapporti) del mezzo.

Auto per disabili: modelli e incentivi fiscali

Quando si passa alle quattro ruote, invece, la scelta è ancora più vasta e le agevolazioni più corpose. Si parla di auto elettriche per disabili senza patente, ma cosa significa? Nello specifico si tratta indicativamente di mini-car elettriche per disabili. Questi cabinati hanno 4 ruote e sono ideali per chi vuole spostarsi in totale autonomia, percorrendo tratte molto brevi.
Come noto, però, esistono diversi gradi di disabilità e altrettanti accorgimenti specifici. Ad esempio alcune vetture sono dotate di comandi sul volante e permettono la guida anche a chi ha una scarsa o ridotta mobilità.

Mezzi di trasporto per disabili

Agevolazioni per disabili sulle auto elettriche

Per quanto riguarda gli incentivi sulle auto elettriche o ibride per disabili, l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato la normativa a maggio 2021. Possono usufruire delle agevolazioni:
 

  • Non vedenti e sordi;
  • Disabili con handicap psichico o mentale titolari dell’indennità di accompagnamento;
  • Disabili con gravi limitazioni della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni;
  • Disabili con ridotte o impedite capacità motorie.

Le agevolazioni vengono riconosciute soltanto se i veicoli sono utilizzati, in via esclusiva o prevalente, a beneficio delle persone disabili. I veicoli che possono beneficiare di agevolazioni sono:
 

  • Autovetture;
  • Autoveicoli per il trasporto promiscuo;
  • Autoveicoli specifici;
  • Autocaravan;
  • Motocarrozzette;
  • Motoveicoli per trasporto promiscuo;
  • Motoveicoli per trasporti specifici.

Detrazioni Irpef su auto elettriche per disabili

La detrazione Irpef è pari al 19% del costo sostenuto e riguarda una spesa massima di 18.075,99 euro. Riguarda l’acquisto dei veicoli di cui sopra, usati o nuovi. La detrazione spetta una volta sola, ovvero per un solo veicolo, nel corso di un quadriennio. Inoltre è prevista la detrazione fiscale anche per le spese di riparazione del mezzo che avvengono entro 4 anni dall’acquisto dello stesso. Sono invece esclusi i costi di manutenzione ordinaria e quelli di esercizio, come ad esempio il premio assicurativo e i costi sostenuti per la ricarica dell’auto elettrica.

Agevolazioni IVA

L’Iva si applica al 4% anziché al 22% per auto aventi cilindrata fino a 2.000 centimetri cubici a benzina e a 2.800 centimetri cubici diesel. In caso di motore elettrico, invece, non si può superare la potenza di 150 kW per godere dello sconto dell’Iva, che si applica anche su optional, adattamento di veicoli non adattati e cessioni di strumenti e accessori utilizzati per l’adattamento.

Esenzione del pagamento del bollo

Le stesse tipologie di veicoli godono anche dell’esenzione del pagamento del bollo. L’esenzione della tassa automobilistica spetta sia quando l'auto è intestata al disabile sia quando l'intestatario è un familiare del quale egli è fiscalmente a carico. Rientra nelle facoltà delle singole Regioni la possibilità di estendere l’agevolazione anche ad altre categorie di persone disabili. Se il disabile possiede più veicoli, l’esenzione viene applicata soltanto ad uno di essi. Sarà compito del diretto interessato quello di indicare la targa dell’auto prescelta. 

Mobilità per disabili: una scelta green di Acea Energia

In questo settore Acea Energia guarda al futuro combinando il suo know-how green con un approccio ispirato al futuro.
Scegliendo Acea e-mobility, infatti, sostieni l’ambiente e migliori il tuo stile di vita. Questa soluzione innovativa fornisce un’app o una card che ti permettono di ricaricare la tua auto elettrica individuando la colonnina più vicina a te. Con Acea wallbox, invece, puoi ricaricare la tua auto elettrica direttamente a casa tua.

chiudi
Entra in MyAcea

Gestisci in totale autonomia il tuo contratto dall’area clienti

Attiva
la Bolletta Web

Paga
una fattura

Comunica
l'autolettura

Sottoscrivi
un nuovo contratto

 

Non sei registrato a MyAcea?

Crea adesso il tuo account.
Ci vorranno solo pochi minuti.

Registrati