Dalla Smart mobility alla Smart City


TEMPO DI LETTURA:
3 min.


Il modo di fare acquisti, di studiare, di muoversi, il volto delle città sta cambiando in chiave ecosostenibile, anche grazie alle innovazioni apportate dalle tecnologie digitali. La digitalizzazione delle città è infatti il primo passo di una progettualità più ampia, quella delle Smart City. Un processo che influisce sulla quotidianità di ogni singola persona, ma anche sui modelli di business attivati dalle aziende.

Per ideare una città intelligente vengono messe in atto strategie di pianificazione urbana e ottimizzate le risorse a disposizione per ridurre l’impatto delle attività umane sul territorio. Un esempio concreto di queste strategie riguarda il trasporto urbano e la sua trasformazione, in linea con i principi della smart mobility.

Smart Mobility, cos'è e come trasforma le città

L’idea della smart mobility nasce da una visione lungimirante dell’intera rete di trasporto urbano, ed ha come obiettivo il sostegno concreto allo sviluppo sostenibile delle città.
La mobilità intelligente è uno dei pilastri alla base della conversione delle città come le conosciamo oggi, in evolute smart city in grado di offrire tecnologie, infrastrutture e soluzioni a sostegno di questa nuova forma di organizzazione degli spostamenti.

Ma in cosa consiste, nel concreto, la smart mobility? È una pianificazione intelligente delle risorse a disposizione in materia di trasporto urbano che consente ai cittadini di potersi muovere in modo flessibile, sicuro e conveniente, riducendo il proprio impatto sull’ambiente.

La mobilità sostenibile migliora la qualità della vita

Le politiche di smart mobility prevedono una serie di azioni da intraprendere per efficientare e rendere più sostenibile il trasporto urbano. Queste azioni si basano su importanti principi guida:

  • Flessibilità: i mezzi di trasporto devono garantire flessibilità ai cittadini ed essere adatti a ricoprire esigenze differenti in termini di luoghi raggiunti e veicoli utilizzati.
  • Efficienza: la rete urbana deve essere progettata per garantire spostamenti brevi e semplici.
  • Integrazione: la rete urbana e i veicoli utilizzati devono consentire agli utenti collegamenti efficienti e la possibilità di cambiare mezzo facilmente, a seconda delle proprie esigenze e dei tratti da percorrere.
  • Veicoli green: i veicoli utilizzati devono essere alimentati con energie pulite.

Questi punti cardine vanno inseriti all’interno di una progettualità più ampia, volta a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Per questo motivo sviluppando una smart mobility bisogna tenere presenti anche tutti gli aspetti legati alla sicurezza e all’accessibilità dei mezzi per gli utenti.

Inoltre, la smart mobility deve garantire che l’impatto degli spostamenti sull’ambiente sia sempre più contenuto. Questo obiettivo è raggiungibile efficientando e modernizzando il sistema di trasporti con tecnologie all’avanguardia. Tra le varie risorse in campo, per realizzare questo scopo, giocano un ruolo fondamentale i mezzi di mobilità e micromobilità elettrica e la diffusione delle infrastrutture a supporto.

Dalla Smart mobility alla Smart City

La mobilità elettrica si fa strada nelle smart city

La mobilità elettrica è un’esperienza di mobilità urbana sostenibile che utilizza veicoli che sfruttano l’energia elettrica come principale fonte di energia come, ad esempio le auto elettriche. La e-mobility sta vivendo un momento di grande espansione, dato che sempre più città sponsorizzano l'utilizzo di veicoli non alimentati con i tradizionali combustibili fossili all’interno dei loro confini.

I mezzi elettrici, che possono essere utilizzati sia per il trasporto pubblico che per quello privato, sono oggi presenti anche nelle realtà di car sharing: in un futuro prossimo assisteremo quindi a una diffusione sempre più capillare dei veicoli elettrici, con una conseguente riduzione delle emissioni di CO2 nelle nostre città.

Micromobilità elettrica: un importante tassello del mosaico

La micromobilità sostenibile è un ulteriore tassello del mosaico progettuale della smart mobility.  A differenza della mobilità elettrica, la micromobilità prevede l’utilizzo di mezzi più piccoli per spostamenti più brevi che non incidano sul traffico cittadino.

Ed è così che veicoli a zero emissioni, come bici elettriche, monopattini elettrici, hoverboard, segway e monowheel, entrano a far parte dei mezzi di trasporto irrinunciabili per una buona mobilità sostenibile, perché consentono di alleggerire i flussi di traffico e permettono spostamenti efficienti e veloci sulle strade della città.

Le infrastrutture portano la smart mobility in ogni punto della città

Un simbolo tangibile della graduale trasformazione delle nostre città in smart city è la diffusione capillare delle infrastrutture necessarie a realizzare una rivoluzione smart dei sistemi di trasporto. Parcheggi con colonnine di ricarica, stalli riservati ai servizi di car sharing e hub per i mezzi di micromobilità elettrica servono a supportare i cittadini nell’utilizzo di mezzi green e ne incoraggiano l’adozione.

Migliorare la qualità della vita dei cittadini significa fornire un servizio comodo, diffuso e facilmente accessibile da tutti. Per questo motivo Acea Energia ha messo a disposizione dei cittadini Acea e-mobility, una rete di 10.000 colonnine che consente agli utenti di ricaricare le auto elettriche in modo semplice e sicuro, tramite una semplice prenotazione via App.

Dalla Smart mobility alla Smart City



Per la tua casa scegli le offerte luce e gas
100% ECO di Acea Energia

Scegli la soluzione su misura per te e fai una scelta consapevole, nel rispetto dell'ambiente.

 

chiudi
Scopri MyAcea Energia

L’area in cui puoi gestire in completa autonomia le tue forniture Luce e Gas

Comunica
l'autolettura

Controlla
i tuoi consumi

Attiva
la domiciliazione

Scegli
Bolletta web

 

Sei già cliente Acea Energia?

Accedi subito alla
tua area riservata

Accedi