Impronta di carbonio:
cos’è e come ridurla

I comportamenti individuali influiscono sugli ecosistemi. Abitudini alimentari, tipo di spostamenti e ritmi di lavoro lasciano il segno sull’ambiente. L’insieme di queste condotte dà vita alla cosiddetta carbon footprint, ovvero l’impronta sul pianeta in termini di emissioni di anidride carbonica. Vediamo più nel dettaglio cos’è l’impronta di carbonio e come è possibile ridurla.
 

Impronta di carbonio: cosa significa?

L’impronta di carbonio, in inglese carbon footprint, è l’ unità di misura della domanda di risorse naturali da parte dell’umanità . Questo parametro si usa per stimare le emissioni di gas serra provocate da prodotti, servizi, organizzazioni, eventi e individui. Generalmente viene espresso in tonnellate di CO₂ e si usa per determinare gli impatti ambientali che le emissioni hanno sui cambiamenti climatici di origine antropica, ossia tutti gli interventi di trasformazione dell’ambiente naturale da parte del genere umano. Tali interventi vengono attuati con lo scopo di adattare l’ambiente alle nostre esigenze e migliorare la qualità della vita. Tuttavia non sempre hanno un impatto positivo ma, al contrario, possono danneggiare l’equilibrio degli ecosistemi.

Cos’è l’impronta di carbonio

Calcolo impronta di carbonio: come si effettua

Il calcolo della carbon footprint prende in esame le emissioni di tutti i gas ad effetto serra. Queste vengono commutate in CO₂ equivalente, mediante parametri stabiliti a livello mondiale dall’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC). Come abbiamo avuto modo di vedere finora, l’impronta di carbonio non riguarda soltanto i singoli individui. La ricerca del risparmio energetico e di un utilizzo consapevole dell’energia è affidata a tutte le componenti del sistema e in particolare i governi europei si sono dati importanti obiettivi in tema di efficienza energetica. Come vedremo, tra questi obiettivi si annovera anche la riduzione della footprint generata dalle organizzazioni e dai prodotti, nel loro intero ciclo di vita. Ecco allora che il calcolo della carbon footprint si differenzia in base alle singole parti in causa.

Impronta di carbonio generata dal prodotto

Il calcolo della carbon footprint di prodotto comprende tutte le emissioni di gas ad effetto serra lungo l’intero ciclo di vita del prodotto . Si parte, dunque, dall’estrazione delle materie prime per arrivare allo smaltimento finale. Il calcolo può essere effettuato includendo tutte le fasi del ciclo di vita oppure selezionandone soltanto alcune. L’impronta viene calcolata seguendo i requisiti contenuti nella specifica tecnica denominata PAS 2050. Il riferimento normativo univoco a livello internazionale, a partire dal 2013, è inoltre la specifica tecnica ISO/TS 14067. Grazie a queste nomenclature è possibile quantificare le emissioni di gas ad effetto serra (GHG) di un bene o servizio. La carbon footprint of products (CFP) viene quindi definita come la somma delle emissioni e rimozioni totali di gas climalteranti del sistema che genera un prodotto.

Impronta di carbonio generata dall’organizzazione

La carbon footprint di organizzazione (CFO) consiste nella quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas effetto serra connesse all’organizzazione. Le emissioni in questione possono essere dirette o indirette: le prime sono quelle quelle provenienti da fonti/sorgenti proprie dell’azienda o controllate dall’azienda, mentre le seconde sono emissioni che sono conseguenza delle attività dell’azienda, ma la cui fonte/sorgente è controllata da altre aziende. Gli standard internazionali per definirla sono il GHG Protocol e l’ UNI EN ISO 14064-1. Entrambi prevedono l’obbligatorietà di considerare emissioni dirette e indirette generatedalla produzione di energia elettrica e termica. Per le altre emissioni, non connesse ai consumi termici ed elettrici, la loro contabilizzazione avviene su base volontaria da parte dell’azienda.

Scopri le nostre offerte 100% ECO per la tua casa


Luce e Gas 100% ECO

 

Luce da fonti rinnovabili e gas con compensazione delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Luce 100% Green

 

Energia elettrica
da fonti rinnovabili.

SCOPRI DI PIÙ

Gas 0% CO2

 

Gas con compensazione
delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Impronta di carbonio generata dagli individui

Per l’impronta di carbonio degli individui ci si affida al Carbon FootPrint Calculator del Global Footprint Network. Questo servizio, messo a disposizione dalla Carbon Footprint LTD, è uno dei tool più completi sull’argomento ed è fruibile da qualunque soggetto privato. È sufficiente accedere all’area di benvenuto inserire un range di date(con un arco temporale minimo di 12 mesi), rispondere alle domande e verrà effettuato il calcolo in questione. A questo punto si presenteranno sei aree, all’interno delle quali sarà possibile definire la microarea del proprio stile di vita a cui si è più interessati. Le aree in questione sono:
 

  • Casa : l’impronta ecologica si calcola dividendo la quantità di energia consumata per il numero di componenti della famiglia. Bisogna quindi selezionare il numero di componenti e poi l’utilizzo di elettricità, gas metano, olio combustibile, carbone, LPG, propano e pellet di legno.
  • Voli : in questa area si possono inserire informazioni per un massimo di tre itinerari di volo. Bisogna scegliere luogo di partenza e di arrivo, la classe del volo e il numero di viaggi. Tramite una checkbox si può inoltre decidere se spuntarla per includere il forzante radiativo, un parametro che misura la potenziale capacità di alterazione del bilancio energetico terrestre, all’interno di un certo intervallo di tempo, da parte di un determinato fattore, ossia la potenziale capacità di indurre un cambiamento nelle dinamiche del sistema climatico; per quanto riguarda i voli, le emissioni di CO2 da aeroplani ad altitudine elevata hanno un impatto maggiore sul riscaldamento globale. A questo punto si potrà effettuare il calcolo e aggiungerlo all’impronta.
  • Auto : è possibile inserire informazioni per un massimo di due veicoli. Andranno dichiarati chilometraggio, tipologia di veicolo (auto, moto, van), produttore, modello ed efficienza. Quest’ultimo è il paramento che prende in considerazione il rapporto tra litri di carburante consumato e chilometri percorsi.
  • Moto: anche in questo caso le informazioni riguardano un massimo di due moto. Comprendono chilometraggio, modello ed efficienza.
  • Bus & Treno : in questa area si può indicare il chilometraggio per ogni tipo di trasporto pubblico. Per calcolare l’impronta di carbonio si possono aggiungere i viaggi percorsi con tutti i mezzi pubblici. Rientrano in questa listabus, pullman, treni nazionali e internazionali, tram, metro e taxi.
  • Secondary: la secondary FootPrint comprende invece gli importi di spesa sostenuti per una serie di categorie merceologiche. L’utente può scegliere se dichiarare la spesa settimanale, mensile o annuale. Per il calcolo corretto bisogna indicare i costi per cibo e bevande, medicine, abbigliamento, libri e giornali, computer e software. Concorrono al calcolo anche le spese per TV, radio e telefoni, veicoli a motore, hotel, ristoranti, pub, insurance (assicurazione), educazione, attività ricreative e sportive.

L’individuo, a questo punto, ha due alternative: scegliere se calcolare la parte del proprio stile di vita a cui è maggiormente interessato, oppure la propria impronta ecologica totale.

Cos’è l’impronta di carbonio

Come ridurre l’impronta di carbonio

Ridurre l’impronta di carbonio deve diventare un obiettivo concreto, percorribile attraverso l’adozione di giusti comportamenti e indispensabile per arginare fenomeni come l’aumento dei gas serra e lo scioglimento dei ghiacciai. Per farlo bisogna ridurre l’utilizzo di energia, cercare forme alternative e aumentare gli sforzi per il riciclo. O ancora limitare gli spostamenti o affidarsi a forme sostenibili. Quando si parla di veicoli a basso impatto ambientale, è necessario citare le auto ibride, per definizione quelle con le minori emissioni di CO₂ nell’atmosfera. Ma non dimentichiamo anche altre tipologie di mobilitò sostenibile, che non prevedono l’utilizzo dell’auto e che si stanno diffondendo sempre di più nelle nostre città, anche grazie agli incentivi statali, come le e-bike e i monopattini elettrici.

Fare la propria parte significa inoltre cercare fonti di approvvigionamento sostenibili e ridurre l’utilizzo di combustibili fossili. Questi ultimi vengono impiegati prevalentemente per il trasporto di beni e la loro riduzione si collega ad un discorso più ampio di sostenibilità dei trasporti. Il vero obiettivo, da perseguire da aziende e individui, è quello di compensare le emissioni di anidride carbonica. Lo scopo deve essere quello di eliminare la CO₂ nell’ambiente con la stessa rapidità con la quale viene immessa.

Compensare la CO₂ è una scelta di responsabilità ambientale che permette a ciascuno di noi di diventare parte della soluzione al cambiamento climatico. Risulta quindi molto importante scegliere la sostenibilità anche le forniture di luce e gas. Si può essere da subito sostenibili scegliendo un fornitore affidabile come Acea Energia. Scopri le offerte gas 100% ECO e risparmia sulla tua prossima bolletta.

 

 

chiudi
Entra in MyAcea

Gestisci in totale autonomia il tuo contratto dall’area clienti

Attiva
la Bolletta Web

Paga
una fattura

Comunica
l'autolettura

Sottoscrivi
un nuovo contratto

 

Non sei registrato a MyAcea?

Crea adesso il tuo account.
Ci vorranno solo pochi minuti.

Registrati