Condizionatori inverter:
come funzionano, vantaggi
e detrazioni

I condizionatori inverter rappresentano la scelta ideale per chi vuole risparmiare sui consumi, evitare gli sprechi di energia e percepire maggiore comfort. Approdati sul mercato da alcuni anni, questi dispositivi garantiscono prestazioni elevati con un occhio di riguardo all’efficienza energetica. Vediamo in cosa si differenziano dai condizionatori tradizionali e dalle pompe di calore, come funzionano e quanto consumano.

Condizionatore inverter: significato

Un condizionatore inverter permette di modulare il funzionamento dell’impianto a seconda della temperatura di partenza e di quella che si desidera raggiungere. La potenza erogata è, dunque, graduale, e garantisce un considerevole risparmio energetico. L’utente può decidere la temperatura e, una volta raggiunta, il condizionatore entrerà in modalità risparmio energetico, regolando autonomamente il mantenimento della temperatura desiderata.

La macchina una volta accesa quindi raffredda velocemente l’ambiente e una volta raggiunta la temperatura impostata, il climatizzatore non si spegne, ma mantiene un funzionamento di base, con valori di temperatura di +/- 0,5°C. L’inverter non è altro che un dispositivo collocato all’interno del motore del condizionatore, in grado di modulare automaticamente la potenza erogata in base alla temperatura.

Questa tecnologia permette di ridurre drasticamente i consumi legati alle continue accensioni e spegnimenti che caratterizzano il tradizionale sistema on/off. Questa condizione si verifica sia richiedendo aria fredda, sia calda, come accade ad esempio nei condizionatori a pompa di calore. Anche restando in funzione per più ore, infatti, il condizionatore inverter lavora a regimi bassi e con consumi minimi. Le prestazioni non ne risentono, mentre l’energia elettrica impiegata per mantenere costante la temperatura è bassa. A tutto vantaggio del comfort e del risparmio in bolletta.

Condizionatori inverter, come funzionano

Come funziona un condizionatore inverter

Dotati di una tecnologia modulante, i condizionatori inverter devono il loro funzionamento ad una centralina elettrica. Il compressore presente nel dispositivo produce aria fredda e calda, erogando soltanto la potenza utile per soddisfare la richiesta di raggiungere la temperatura impostata. In base al fabbisogno della stanza, quindi, il sistema gestisce l’utilizzo del compressore. La potenza erogata risulta minore o maggiore a seconda delle necessità dell’ambiente in cui è posizionato l’apparecchio. Una volta raggiunta la temperatura ideale, il condizionatore inverter rallenta e funziona al minimo per mantenerla. Gli inverter non si servono quindi di energia aggiuntiva, fermandosi e poi ripartendo, ma mantengono un funzionamento di base.

Condizionatori inverter e condizionatori tradizionali: quali sono le differenze?

Come abbiamo avuto modo di intuire, la differenza principale tra i condizionatori inverter e quelli tradizionali consiste nel principio di funzionamento. Questi ultimi non permettono di regolare la temperatura di partenza e la potenza. Una volta acceso, pertanto, l’apparecchio lavora alla massima potenza e continua a funzionare a pieno regime a prescindere dalla temperatura dell’ambiente.

Una volta raggiunta la temperatura desiderata, il climatizzatore tradizionale on/off si spegne e riparte nuovamente al massimo, quando la temperatura non coincide con quella della stanza. Così facendo il condizionatore lavora sempre alla massima potenza. Di contro, invece, gli inverter sono condizionatori che dispongono della tecnologia modulante che permette loro di erogare potenza a seconda della temperatura. Le differenze principali riguardano quindi comfort, rumorosità, efficienza energetica e consumi. Un condizionatore inverter mantiene una temperatura costante e risulta meno rumoroso. Le prestazioni risultano essere ottimali in qualunque situazione di impiego, mentre i consumi sono ridotti proprio grazie alla modulazione di potenza.

Scopri le nostre offerte 100% ECO per la tua casa


Luce e Gas 100% ECO

 

Luce da fonti rinnovabili e gas con compensazione delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Luce 100% Green

 

Energia elettrica
da fonti rinnovabili.

SCOPRI DI PIÙ

Gas 0% CO2

 

Gas con compensazione
delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Condizionatori inverter: vantaggi

Condizionatore con inverter o no? Quando ci si appresta ad acquistare questi apparecchi è inevitabile porsi la domanda. I vantaggi dei condizionatori inverter sono così riassumibili:
 

  • Prestazioni elevate
  • Consumi ridotti fino al 30% rispetto ai condizionatori on/off
  • Risparmio energetico in bolletta.

Non va inoltre dimenticato che, qualora si decida di installare un condizionatore inverter in sostituzione di uno già esistente, si può beneficiare delle detrazioni fiscali. A fronte di una nuova installazione si risparmia fino al 50% tramite cessione del credito, mentre per la sostituzione si risparmia fino al 65%.

I condizionatori inverter si rivelano particolarmente utili nelle famiglie che usano questi dispositivi per diverse ore al giorno. Il prezzo d’acquisto, maggiore rispetto a quello di un condizionatore tradizionale, viene rapidamente compensato dal risparmio in bolletta.

Tipologie di condizionatori inverter

Di norma i condizionatori si dividono in monosplit e multisplit. I primi sono costituiti da un’unità esterna collegata a una sola unità interna. I condizionatori multisplit, invece, hanno un’unica unità esterna collegata a due o più unità interne. La variante più diffusa è la dual split, ovvero quella composta da un’unità esterna e due interne. Nel caso dei condizionatori inverter, questa soluzione gestisce in maniera ottimale la potenza termica grazie all’elettronica integrata.

Tra condizionatore portatile inverter e condizionatore dual split inverter è ovviamente preferibile affidarsi alla seconda soluzione. I condizionatori fissi split risultano essere la scelta più diffusa per silenziosità, praticità e risparmio energetico. Il funzionamento di un condizionatore a split si basa su un’unità a pompa di calore.

Condizionatori inverter, come funzionano

Differenza tra condizionatore inverter e pompa di calore

Il condizionatore inverter è dotato di una tecnologia modulante in grado di erogare la potenza necessaria per raggiungere la temperatura desiderata.
La pompa di calore, invece, è una macchina che contribuisce a trasferire energia da un ambiente più caldo a uno meno caldo e viceversa.

Quanto consuma un condizionatore inverter

Gli impianti di areazione inverter hanno tra i migliori pregi il ridotto consumo energetico. Il risparmio di energia elettrica stimato oscilla tra il 30% e il 40% rispetto ai condizionatori tradizionali. La temperatura, grazie alla modulazione dell’emissione di caldo e freddo, è stabilizzata e varia soltanto di +/- 0,5°C rispetto a quella impostata. Nei condizionatori on/off, invece, questa oscillazione è di circa 1,5°C. Al risparmio energetico si abbina anche una maggiore longevità. Il compressore di un condizionatore inverter lavora a velocità inferiori e non risente dell’usura legata alle continue partenze e agli arresti.

Condizionatori inverter: costo e ricarica

Per quanto riguarda il costo d’acquisto dei condizionatori inverter, va sottolineato che i prezzi si sono abbassati rispetto al passato. Sebbene costino di più in confronto ai condizionatori tradizionali, la forbice è meno ampia rispetto ad anni fa. Sul valore commerciale influiscono variabili come marca, modello, potenza e accessori. In media un condizionatore inverter può costare tra i 200 e i 500 euro, mentre a parità di BTU (British Thermal Unit, l’unità di misura energetica che va a quantificare l’energia impiegata per il riscaldamento o il raffreddamento di un climatizzatore) il suo costo sarà di circa 100 euro in più rispetto a un modello on/off. A questo costo va sommato quello dell’installazione, che può variare dai 200 ai 500 euro circa.

I condizionatori inverter a+++, ovvero quelli con la classe energetica migliore, sono senza dubbio la soluzione più efficace per coniugare prestazioni e risparmio. Quando si acquista un condizionatore, però, è fondamentale scegliere la potenza giusta. Calcolare i BTU, ovvero la capacità di raffreddamento nel tempo, in relazione allo spazio in cui collocare il dispositivo è quindi il primo passo da compiere.

Per ricaricare un condizionatore inverter, invece, è consigliabile affidarsi solo a un tecnico specializzato. In linea di principio il dispositivo va mandato a freddo e con gli split in funzione alla minima velocità, in modo da poter simulare il carico termico più pesante. A questo punto occorre attaccare il manometro e controllare la temperatura di evaporazione per capire se occorre, o meno, aggiungere gas.

Infine, è fondamentale occuparsi della manutenzione ordinaria del condizionatore, che deve essere effettuata all’inizio della stagione estiva (e di quella invernale, se utilizzato anche come fonte di riscaldamento). Il costo della manutenzione è contenuto: ad esempio sostituire i filtri costa qualche decina di euro.

Le offerte sui condizionatori di Acea Energia con installazione inclusa

Acea Energia offre non solo soluzioni sostenibili e volte al risparmio per luce e gas, ma anche prodotti innovativi per la casa. Acea Energia non si ferma però alla semplice vendita di un condizionatore di ultima generazione, ma offre un pacchetto completo ai suoi clienti che include:
 

  • Sopralluogo, installazione e lo smaltimento del vecchio condizionatore
  • Air Connect per gestire da app il tuo condizionatore
  • Dichiarazione di conformità dell'impianto con una garanzia di 24 mesi sul prodotto e sull' installazione.

Visti gli incentivi ancora disponibili è il momento giusto sia se si vuole acquistare un condizionatore per la prima volta, con un risparmio fino al 50% grazie alla cessione del credito, sia se si vuole sostituire quello vecchio, con un risparmio fino al 65%.

Scegli l’efficienza energetica chiavi in mano di Acea Energia: incluso nel pacchetto hai sempre il sopralluogo, l’installazione e assistenza da parte di tecnici qualificati della tua zona.

 

 

chiudi
Entra in MyAcea

Gestisci in totale autonomia il tuo contratto dall’area clienti

Attiva
la Bolletta Web

Paga
una fattura

Comunica
l'autolettura

Sottoscrivi
un nuovo contratto

 

Non sei registrato a MyAcea?

Crea adesso il tuo account.
Ci vorranno solo pochi minuti.

Registrati