Riciclo creativo dei mobili e arredamento sostenibile: un po’ di idee

Il settore dell’arredamento, insieme a quello della costruzione con la diffusione della bioedilizia, si sta rapidamente adeguando alla crescente domanda di sostenibilità ambientale. Una tendenza che si adegua sia ai bisogni del pianeta quanto a canoni estetici ed esigenze di marketing. 

Dopotutto, il settore del mobile è sempre stato all’avanguardia sul tema, e si è evoluto nel corso del tempo tenendo sempre più in considerazione la salvaguardia dell’ambiente.

Ormai da diversi anni e sempre più spesso nel mondo dell’arredamento ha preso piede il riciclo creativo dei mobili. Ma vediamo di cosa si tratta.

Cos’è l’arredo sostenibile

Per arredo sostenibile si fa riferimento alla ideazione, progettazione e realizzazione di mobili e complementi di arredo con tecniche che:

  • evitino l’utilizzo di vernici o materiali tossici;
  • permettano la realizzazione di prodotti in grado di durare nel tempo; 
  • permettano ai mobili di essere riciclati o, in alternativa, essere smaltiti con facilità;
  • in caso di utilizzo di legno, che questo sia certificato FSC (Forest Sterwardship Council);
  • utilizzino imballaggi che non abbiano impatto sull’ambiente;
  • utilizzino materiali riciclati o comunque riciclabili.

Arredo e riciclo: quali sono i materiali più utilizzati

Quando si pensa a mobili e materiali di riciclo viene quasi naturale pensare subito al legno. Eppure, non è il solo materiale che, grazie alla sua proprietà di essere poco o per nulla impattante sull’ambiente, viene utilizzato nella realizzazione di arredi e complementi di arredo sostenibili.

Ecco quali sono i principali materiali che vengono usati nella realizzazione di mobili dal cuore green.

  • Il legno. Ovviamente è il materiale principe, che da sempre accompagna il settore arredamento nella direzione della sostenibilità ambientale. Come già detto, questo materiale deve rispondere alla certificazione FSC, ovvero a legno che arriva da foreste che rispondono a gestioni responsabili sotto il profilo ambientale (rimboschimento controllato innanzitutto), economico e sociale. Il legno viene scelto perché, oltre a essere un ottimo isolante, è facilmente riciclabile ed ha straordinarie qualità estetiche.
  • Il bambù. Si tratta di un materiale caratterizzato dalla grande resistenza alle pressioni, per questo viene utilizzato anche per il parquet. Non è un caso se viene definito anche acciaio vegetale. Il bambù riesce ad assorbire la CO2, è facilmente rinnovabile e ha un bassissimo impatto ecologico. Anche questo materiale deve essere certificato FSC.
  • L’alluminio. Estratto dalla bauxite, è un materiale sì leggero, ma anche poco corrosivo. L’alluminio è un materiale è riciclabile al 100%, che può essere riciclato infinite volte senza perdere nessuna delle sue proprietà. Inoltre, il suo riciclo permette un risparmio pari al 95 per cento dell’energia che occorre per produrre l’alluminio primario, riducendo così le emissioni CO2 corrispondenti. 
  • La plastica. Qualcuno potrà storcere il naso, ma la plastica viene utilizzata spesso nella produzione di arredo con materiale di riciclo. La plastica ha bisogno di 1000 anni per essere smaltita, tanto vale continuare a utilizzarla all’infinito. Questo è il principio che ne guida l’uso in chiave sostenibile.
Riciclo creativo mobili

Mobili e riciclo: il rispetto prima di tutto

Il settore dell'arredamento guarda alla sostenibilità a 360 gradi. Un approccio del genere si traduce in che si ispirano all’economia circolare ovvero che permettano al prodotto di vivere quanto più lungo possibile e alla fine del suo ciclo di vita di essere smaltito o riciclato facilmente. 

Design e materiali sono dunque una conseguenza di questa filosofia e non la causa. La designer australiana Louise Jones, specializzata in arte del riciclo, nel suo libro “Environmentally Responsible Design: Green and Sustainable Design for Interior Designers” ha spiegato quali sono i 6 principi a cui l’arredo sostenibile deve rispondere”.

L’arredamento sostenibile deve:

  • farsi ispirare innanzitutto dalla Natura, alla quale deve guardare come guida
  • far vivere in simbiosi persone e natura, creando luoghi ospitali per entrambi. Alla natura, in particolare, va permesso di fornire all’Uomo ciò di cui ha bisogno, ma sempre rispettandola
  • rispettare le differenze, sia biologiche che climatiche
  • tener presente la celebre frase pronunciata dal chimico, biologo, filosofo del '700 Antoine-Laurent Lavoisier: “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”
  • rispettare la Terra e le sue risorse
  • avere uno sguardo globale e un’idea chiara su quale sia il suo scopo ultimo

Riciclo mobili, alcuni suggerimenti

I mobili vanno incontro a usura, alcuni passano di moda, altri ancora vengono acquistati e neanche utilizzati (problema che riguarda soprattutto i complementi d’arredo). 

Se la tentazione di smaltirli è forte, è anche vero che possono essere riciclati con un po’ di lavoro e creatività. Il pianeta ringrazierà, ma anche il portafogli: il riciclo, infatti, consente un notevole risparmio economico. 

Scopri le nostre offerte 100% ECO per la tua casa


Luce e Gas 100% ECO

 

Luce da fonti rinnovabili e gas con compensazione delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Luce 100% Green

 

Energia elettrica
da fonti rinnovabili.

SCOPRI DI PIÙ

Gas 0% CO2

 

Gas con compensazione
delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Arredo e riciclo creativo: nuovo look per le cassettiere 

Un esempio? Perché acquistare una cassettiera nuova quando è possibile rinnovarla con la tecnica del decoupage?

Il decoupage è una tecnica decorativa che utilizza la carta su mobili, ma anche su cornici, scatole etc. Hai cartine geografiche inutilizzate? Puoi applicarle su una cassettiera fuori moda fissandole con della vernice trasparente. L’effetto sarà notevole. Il mobile avrà un’aria nuova. 

Ovviamente questa è una tra le tantissime possibilità che il decoupage offre. Al posto delle cartine geografiche potresti usare vecchi giornali, da applicare magari su armadi, sedie o librerie. Per un decoupage perfetto segui queste istruzioni:

  • con una carta abrasiva elimina la vecchia vernice dal mobile;
  • ripulisci, leviga e uniforma la superficie;
  • applica la carta fissandola magari con della vernice trasparente.

Nuova vita per la scala a pioli

L’arredamento sostenibile può ovviamente fare ingresso in tutte le stanze della casa. Una vecchia scala a pioli di legno può diventare benissimo un originale porta asciugamani da utilizzare in bagno.

Leviga i pioli rendendo uniforme la superficie, applica la nuova vernice ed eventuali decorazioni. 

Con un po’ di pazienza avrai anche in questo caso un effetto sorprendente. Per un impatto ancora più green puoi utilizzare un sacchetto di juta per la biancheria sporca e riciclare packaging in vetro per farne dei portasaponi. 

Arredo giardino con materiale di riciclo

I pneumatici possono diventare delle sedie. Bancali e pallet possono trasformarsi in tavolini, e con i vasi verticali il tuo giardino sarà un’oasi di sostenibilità.

Fiori e piante possono essere inseriti in barattoli di latta, bottiglie di plastica o scatole di tè. I pallet sono invece perfetti per un salottino da esterno moderno e di design. Anche giochi per esterno realizzati per i più piccoli possono vedere l’utilizzo di materiali di recupero: ad esempio una vecchia sedia può diventare un’altalena, mentre con i tappi in sughero delle bottiglie è possibile realizzare delle graziose casette per uccelli.

Riciclo creativo mobili

Mobili da antichi a moderni in pochi passi

Hai un mobile che ritieni vecchio, ancora lontano dal poter essere considerato vintage e a cui vuoi dare un tocco di modernità? 

Una soluzione che abbraccia economia e sostenibilità è quello dell’utilizzo degli stencil attraverso cui dare vitalità e colore al mobile. Gli stencil sono maschere che permettono la realizzazione di un disegno perfetto, anche a chi non è bravo a disegnare. La maschera da stencil non è altro che un foglio di plastica chiamato Mylar forato che può rappresentare immagini di fiori, frutta, disegni geometrici o immagini varie. Se sei particolarmente creativo puoi divertirti a disegnare oppure se ti piace l’idea ma il disegno non è il tuo forte puoi ricorrere a professionisti del settore.

Una valida alternativa agli stencil sono gli adesivi. In questo caso consigliamo di non esagerare perché l’effetto potrebbe essere opposto a quello desiderato. 

Complementi d’arredo: cosa fare con le bottiglie di birra

Ti piace la birra? Ottimo! Non buttare le bottiglie vuote. I packaging di vetro possono essere infatti utilizzati per diventare dei portafiori o portacandele. C’è chi è riuscito a farne anche degli orologi a muro, utilizzando come ore 12 bottiglie, ognuna di marche diverse e fissando il tutto su un pannello di legno. Geniale vero?

Ma non finisce qui. Le bottiglie di vetro possono diventare anche delle lampade: basta praticare un foro per permettere il passaggio del filo elettrico e utilizzare delle lampadine a LED, che garantiscono efficienza e risparmio energetico.

Complementi d’arredo: cosa fare con le lattine in alluminio

L’alluminio è un materiale molto resistente, per questo viene spesso utilizzato nei packaging. Le lattine in alluminio possono essere utilizzate nelle maniere più disparate. Possono ad esempio diventare dei vasi (soprattutto per le piante grasse) oppure un contenitore di mestoli da usare in cucina. Puoi inoltre scatenare la fantasia, decorando le lattine come più preferisci.

Sostenibilità: la parola chiave per il futuro del pianeta

La sostenibilità è la parola chiave attraverso cui dare respiro al nostro pianeta. Adottare comportamenti ecosostenibili significa anche scegliere offerte luce e gas 100% Eco e evitare sprechi ogni volta che è possibile.

Grazie alle offerte di Acea Energia 100% ECO si sceglie la vera sostenibilità. Conluce 100% Green  l’energia elettrica fornita è prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili, mentre con le offerte gas 0%CO2 vengono compensati i consumi quotidiani di anidride carbonica grazie all’acquisto di crediti di carbonio certificati (VER: Verified Emission Reduction). In questo modo vengono sovvenzionati dei progetti internazionali che contribuiscono alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra in atmosfera e al raggiungimento di alcuni degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile promossi dalle Nazioni Unite.

03 febbraio 2022

 

 

chiudi
Scopri MyAcea Energia

L’area in cui puoi gestire in completa autonomia le tue forniture Luce e Gas

Comunica
l'autolettura

Controlla
i tuoi consumi

Attiva
la domiciliazione

Scegli
Bolletta web

 

Sei già cliente Acea Energia?

Accedi subito alla
tua area riservata

Accedi