Risparmiare energia elettrica in azienda per essere green

Risparmio energetico in azienda iniziando dagli elettrodomestici e dalle attrezzature tecnologiche

In molte aziende e in molti uffici, l’aspetto tecnologico è quello più importante. L’efficienza energetica di un dispositivo elettronico è di cruciale importanza. Un primo consiglio è quindi quello di adottare comportamenti semplici ma virtuosi, come spengere sempre il PC a fine giornata o metterlo in stand by quando ci si allontana per una pausa. Il risparmio energetico in ufficio però non riguarda solo computer, monitor e stampanti, ma anche elettrodomestici spesso ignorati. Quali? Ad esempio frigoriferi, forni a microonde e televisioni.

Scopri le nostre offerte 100% ECO per il tuo business


Luce e Gas 100% ECO


Luce da fonti rinnovabili e gas con compensazione delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Luce 100% Green


Energia elettrica
da fonti rinnovabili.

SCOPRI DI PIÙ

Gas 0% CO2


Gas con compensazione
delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Iniziative green in azienda: sostituire le lampadine

Un’iniziativa green poco impegnativa, ma di grande impatto sulla bolletta e sui consumi, è la sostituzione di ogni lampadina con una lampadina a LED. Il costo unitario è più alto, ma le lampadine a LED durano di più e il loro costo è ammortizzato nel tempo. Le lampadine a basso consumo incidono sensibilmente sui consumi, specialmente in rapporto alle vecchie lampadine a incandescenza, oggi fuori commercio ma che sono ancora in uso in molte abitazioni e in molti uffici.

 

Come risparmiare energia elettrica in azienda

 

Risparmio energetico in azienda: standby e multiprese per tutti i dispositivi elettronici

È il caso più diffuso e antico del mondo. Al termine della giornata lavorativa si spegne il proprio computer, ma spesso si dimentica il monitor acceso che rimane però collegato alla presa elettrica e, anche se poco, continua a consumare

Ricordarsi di spegnere gli elettrodomestici e i dispositivi elettrici quando non in uso è un comportamento virtuoso che tutti dovrebbero tenere: dai manager agli impiegati. Se una stampante non serve, non è necessario tenerla accesa o in standby: può essere spenta e avviata al prossimo utilizzo.

I monitor vanno spenti ogni volta che non vengono usati e lo stesso vale per la televisione o per i condizionatori.

Dal momento che le disattenzioni e le dimenticanze possono capitare, può essere utile collegare i dispositivi a una multipresa intelligente. Questo tipo di presa elettrica, infatti, può essere governata da remoto. Dispone di un timer interno per lo spegnimento di tutti i dispositivi a cui è collegata e, se viene lasciata accesa per alcune ore senza essere utilizzata, si spegne da sola. Inoltre, le multiprese in generale costituiscono un ottimo investimento perché proteggono da sovraccarichi di tensione che possono danneggiare computer e altri dispositivi, e cortocircuiti. La multipresa intelligente è una soluzione economica che permette di cambiare in maniera considerevole i consumi in ufficio e in azienda.

 

Come risparmiare energia elettrica in azienda

 

Rinfrescare e riscaldare l’ufficio sfruttando la pompa di calore

Come risparmiare energia in ufficio durante i mesi più freddi e quelli più caldi? La pompa di calore è una soluzione che può rendere ogni azienda green perché permette di climatizzare gli ambienti in estate e in inverno. Molti condizionatori con pompa di calore caldo/freddo permettono infatti di rinfrescare e riscaldare l’aria consumando meno. Anche in questo caso, è bene affidarsi a condizionatori di classe energetiche efficienti come A++ e A+++, per ottimizzare i consumi e minimizzare gli sprechi.

Come risparmiare in ufficio facendo attenzione alla temperatura

Sempre rimanendo in tema di climatizzazione degli interni un aspetto molto importante riguarda la temperatura di climatizzazione. Regolare con criterio la temperatura del condizionatore, per il raffreddamento o per il riscaldamento dei locali, è cruciale per il risparmio energetico e in bolletta, ma non solo: è anche un obbligo di legge.

Nel 2013 è entrato infatti in vigore un Decreto del Presidente della Repubblica che fissa i limiti delle temperature minime in estate e delle temperature massime in inverno per tutti gli ambienti, inclusi quelli domestici. Il DPR n. 74 del 16 aprile 2013 (“Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell'acqua calda per usi igienici sanitari”) fissa in estate una temperatura minima di 24°C e in inverno una temperatura massima di 22°C.

È importante ricordarsi, inoltre, di spegnere i condizionatori 30-40 minuti prima di lasciare gli uffici.

Risparmiare energia elettrica in ufficio con il cappotto termico

Dotare l’ufficio di un cappotto termico interno (o esterno, se la struttura lo consente) significa minimizzare il dispendio energetico degli ambienti. L’isolamento a cappotto è una tecnica che permette di proteggere termicamente l’edificio e aumentare notevolmente il risparmio energetico.

Aziende green: risparmiare e far bene all’ambiente

Risparmiare energia elettrica in ufficio significa far bene all’ambiente e alla collettività, ma anche spendere meno in bolletta. Scegliere una buona offerta corrisponde ad abbassare ulteriormente i costi della componente energetica dell’azienda. Scopri le migliori offerte luce e gas Acea Energia per il tuo business, affidati a un fornitore affidabile e serio.

 

 

chiudi
Entra in MyAcea

Gestisci in totale autonomia il tuo contratto dall’area clienti

Attiva
la Bolletta Web

Paga
una fattura

Comunica
l'autolettura

Sottoscrivi
un nuovo contratto

 

Non sei registrato a MyAcea?

Crea adesso il tuo account.
Ci vorranno solo pochi minuti.

Registrati