Confronto tariffe gas: trova la più adatta e risparmia

Fare un confronto delle tariffe gas è molto importante per ottimizzare le risorse e avere un vantaggio sulla bolletta di casa. Ogni famiglia ha le proprie necessità e la ricerca della migliore tariffa gas passa attraverso bisogni e stili di vita individuali. Sapersi districare in un mercato eterogeneo è essenziale per razionalizzare le spese e dimenticarsi della bolletta. 

Confronto tariffe gas: come fare, cosa considerare

Inutile girarci intorno, quando confronti le tariffe luce e gas, con tutte le offerte disponibili sul mercato, il rischio di fare confusione è elevato. Proviamo a entrare nel dettaglio e capiamo quali sono i parametri da tenere in considerazione nella ricerca della miglior offerta luce e gas, partendo dalle tue abitudini di consumo.

Confronta tariffe gas: le abitudini di consumo determinano il tipo di offerta

Non tutte le famiglie hanno le stesse esigenze. Chi possiede un fornello a induzione, non avrà bisogno del gas per la cottura dei cibi, ad esempio. Chi, invece, ha un riscaldamento autonomo con la caldaia a gas, consumerà di più di chi ha un condizionatore. Dopo aver individuato le proprie abitudini di consumo, decisive nella ricerca della tariffa gas più conveniente, possiamo passare ai dati veri e propri dell’utenza.

Tipologia d’uso dell’utenza

Il gas metano è una risorsa essenziale nella vita quotidiana. Per valutare con criterio quale tariffa fa al caso tuo, devi capire prima di tutto a cosa ti serve il suo utilizzo. Le utenze domestiche gas distinguono tre tipologie d’uso:

  • cottura cibi;
  • produzione di acqua calda sanitaria;
  • riscaldamento.

In questo modo avrai la misura di quanta componente gas – che viene misurata in smc (standard metro cubo) - hai bisogno per soddisfare tutte le necessità familiari. 

famiglia in cucina con fornitura gas conveniente

Provincia e comune di residenza

Anche la provincia e il comune di residenza possono incidere sul prezzo finale. Il posto in cui si vive influisce, infatti, sulle quote variabili dei costi di trasporto della materia e della gestione del contatore. Il passaggio dalla maggior tutela al mercato libero ha acuito questa distanza.

Esistono sei ambiti tariffari che riguardano le spese per il trasporto nelle varie regioni. Il costo del trasporto è stabilito dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente e non è modificabile dal fornitore.

  • Ambito nord occidentale (Valle d'Aosta, Piemonte e Liguria)
  • Ambito nord orientale (Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna)
  • Ambito centrale (Toscana, Umbria e Marche)
  • Ambito centro-sud orientale (Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata)
  • Ambito centro-sud occidentale (Lazio e Campania)
  • Ambito meridionale (Calabria e Sicilia).

Informarsi a quanto ammontano le spese relative alla provincia e al comune di residenza è un passo importante per scegliere la migliore tariffa. 

Quanto è grande la famiglia

Un altro fattore importante da considerare quando si confrontano le offerte del gas, è il numero dei componenti della famiglia. Gli abitanti del nucleo domestico influiscono sul consumo medio del gas metano e, quindi, sulla bolletta finale.

Superficie della casa

Allo stesso modo, anche la superficie dell’abitazione determina il prezzo finale della materia prima. Una casa più grande in termini di superficie ha, proporzionalmente, un volume maggiore e di conseguenza un consumo medio più alto.

Consumo annuo gas metano

Cerchi il fornitore gas più conveniente ma non sai qual è il tuo consumo annuo di gas metano? Meglio correre ai ripari. Prendi una vecchia bolletta e cerca la voce “consumo annuo”. Ogni fornitore ha il suo sistema per rendere evidente questo dato, ma qualunque sia la forma grafica, tutti specificano il consumo medio, i parziali e quello annuo, in altre parole, quanto hai consumato di solo gas in 365 giorni. È un numero importante da considerare sia relativamente al consumo totale, ma anche ai picchi stagionali. Per esempio, una famiglia che ha un impianto di riscaldamento autonomo a caldaia a gas dovrà stare più attenta alla bolletta del gas durante i mesi freddi e cercare un’offerta gas che sia conveniente per questa esigenza.

Tipo di utenza domestica (residente o non)

A differenza dell’energia elettrica, nel caso del gas non c’è una reale diversità in termini di costo tra utenza domestica residente e non residente. Questa voce, quindi, non incide in nessun modo sulla ricerca della tariffa migliore per te. 

utenti confrontano i consumi della fornitura gas in casa

Confronto del prezzo del gas: come leggere la bolletta

Capire com’è composta la bolletta è un passaggio importante per scovare l’offerta migliore per il gas. Ci sono spese fisse, definite dalla normativa di settore, e spese variabili, decise dal gestore. Tenerle d’occhio ci consente di scegliere con consapevolezza e criterio.

Servizi di vendita

I servizi di vendita sono la principale voce di spesa della bolletta del gas e includono i costi per la materia gas naturale. Sono composti da una quota fissa e da una quota variabile, sulla base del consumo del gas. Nella maggior tutela, questi costi sono stabiliti trimestralmente dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), mentre nel mercato libero ogni fornitore fissa il suo prezzo.

Servizi di rete: costi di distribuzione, gestione contatore e oneri di sistema

I servizi di rete comprendono i costi sostenuti per il trasporto e la gestione del contatore gas e rappresentano circa il 20% della bolletta. Riguardano tutte le spese che il fornitore affronta per la consegna della materia nelle case dei suoi clienti, incluso lo stoccaggio. I servizi di rete sono formati da una quota fissa e da una quota variabile, stabilita ogni tre mesi dall’ARERA. Oltre ai costi di distribuzione, stoccaggio e gestione del contatore, i servizi di rete includono gli oneri di sistema, che comprendono:

  • Componente RE (risparmio energetico)
  • Componente UG2 (compensazione dei costi di commercializzazione)
  • Componente UG3 (recupero oneri di morosità per gli esercenti i servizi di ultima istanza)
  • Componente GS (bonus gas)

Iva e imposte

Le imposte nella bolletta del gas includono:

  • L’imposta sul consumo (accisa), che si paga in relazione al gas consumato
  • L’addizionale regionale, decisa da ciascuna regione nei limiti fissati dalla legge. Si paga in relazione al gas consumato
  • L’Iva (imposta sul valore aggiunto), una percentuale applicata su tutta la bolletta.

La tariffa gas più conveniente con Acea Energia

Fare un buon confronto del prezzo del gas tra le migliori compagnie non è un’operazione banale. Le voci da considerare sono molteplici. È per questo che Acea Energia non si impegna soltanto per garantire un prezzo vantaggioso, ma offre anche attenzione al cliente, chiarezza e trasparenza. Tra le sue offerte di Luce e Gas potrai individuare facilmente quella più adatta alle tue esigenze.

Scopri tutti i vantaggi delle offerte Gas di Acea Energia e trova subito la miglior tariffa gas per te.

chiudi
Entra in MyAcea

Gestisci in totale autonomia il tuo contratto dall’area clienti

Attiva
la Bolletta Web

Paga
una fattura

Comunica
l'autolettura

Sottoscrivi
un nuovo contratto

 

Non sei registrato a MyAcea?

Crea adesso il tuo account.
Ci vorranno solo pochi minuti.

Registrati