Risparmiare in cucina ogni giorno

È proprio tra i fornelli che è possibile tagliare molti degli sprechi, non solo di cibo, ma anche di acqua, di gas e di energia elettrica. Vediamo come ottimizzare il risparmio energetico in cucina attraverso ricette e consigli sul corretto utilizzo degli elettrodomestici.

Risparmio in cucina: consigli e ricette

Come risparmiare in cucina? Non è difficile, basta fare attenzione e ottimizzare le risorse. Alcune ricette per risparmiare in cucina non aiutano solo a razionalizzare le spese, e di conseguenza i consumi, ma fanno risparmiare anche tempo.

Scopri come risparmiare tempo ed energia in cucina

Cucina, risparmiare a tavola: preparare i cereali

Risparmiare gas in cucina è facile se si accendono i fornelli una volta sola. Come? Per esempio, riso, orzo, farro e altri cereali si conservano perfettamente in frigorifero, già cotti, all’interno di un contenitore ermetico. Questo consente di ottimizzare l’utilizzo del gas in cucina. Basterà, infatti, preparare doppie o triple porzioni, oltre a quella che si intende consumare sul momento. Una volta scolati e raffreddati, i cereali possono essere conditi con un filo d’olio o lasciati al naturale e conservati in un contenitore ermetico. In frigorifero questo tipo di alimento dura senza problemi fino a 4 giorni. I cereali sono preziosi alimenti all’interno di una dieta sana e anche molto economici. Perfetti, insomma, per risparmiare in cucina.

Altri consigli utili? Conservare l’acqua di cottura dei cereali, purché non sia salata, lasciarla raffreddare e utilizzarla per annaffiare le piante. Un’altra idea è quella di recuperare l’acqua ricca di amido per adoperarla come impacco sui capelli.

Come risparmiare in cucina: i legumi

I legumi sono un’ottima fonte proteica e dovrebbero essere consumati regolarmente nella dieta mediterranea. La cottura di ceci, fagioli e lenticchie può essere però piuttosto lunga. Si consiglia anche in questo caso di cuocerne quantità maggiori rispetto al necessario, perché questi alimenti si conservano bene e a lungo in frigorifero. Dopo un periodo di ammollo, che può durare da poche ore a tutta la notte, i legumi vanno cotti in abbondante acqua non salata per diverso tempo. Per chi desidera accorciare i tempi di cottura, e quindi ridurre l’utilizzo di gas per cucinare, è bene adottare una pentola a pressione. I tempi si dimezzano e la pentola a pressione, dal fischio, va lasciata in funzione a fuoco basso. Il risparmio di gas è notevole. Infine, gli amanti delle lenticchie potranno preferire quelle rosse decorticate: non hanno bisogno di ammollo (al massimo di un veloce risciacquo) e possono essere stufate direttamente in padella, con un filo di acqua e di olio. Preferire legumi secchi a quelli in barattolo non significa solo ridurre le confezioni e il peso mentre si fa la spesa, ma anche risparmiare sensibilmente.

Scopri come risparmiare tempo ed energia in cucina

Risparmiare in cucina quando si accende il forno

Quando ci si chiede come risparmiare in cucina, non vanno dimenticati gli apparecchi o elettrodomestici che si usano durante la preparazione. Ad esempio il forno, a gas o elettrico, può costituire una fonte di spreco non indifferente. A volte viene acceso a lungo solo per scaldare una pietanza, che potrebbe essere riscaldata in pochi minuti al forno a microonde o in padella. Accendere il forno elettrico, inoltre, significa sovraccaricare l’intero impianto elettrico domestico. Attenzione, quindi, ad attivarlo mentre sono in azione anche lavatrice o lavastoviglie: potrebbe saltare la corrente. Per risparmiare in cucina quando si accende il forno è opportuno non utilizzare temperature più alte o tempi di cottura più lunghi di quelli previsti. Inoltre, è molto utile cucinare nello stesso momento più pietanze. Se, per esempio, si vuole infornare una teglia piena di verdure o di patate arrosto, è intelligente aggiungere anche una leccarda con la zucca tagliata a pezzi grossi. Non tutti i cibi consentono di fare questo, perché alcuni rilasciano odori molto forti o perché i tempi di cottura e i valori di umidità non lo consentono. Ma quasi tutte le preparazioni più comuni permettono di ottimizzare la cottura in forno, con conseguente – e consistente – risparmio di gas o energia elettrica.

Cambiare cucina: la cucina a induzione

La cucina a induzione e il risparmio energetico: una combo possibile? Negli ultimi anni, in molti hanno deciso di comprare una cucina a induzione, ovvero quella che utilizza l’energia elettrica. I vantaggi sono indiscutibili: è più pratica e la manutenzione risulta essere più facile e più sicura. Le cucine a induzione sono più efficienti delle cucine con i fornelli a gas, ma la componente del gas metano  è più economica dell’energia elettrica. La cucina a induzione, però, fornisce una cottura più rapida e diretta, senza dispersione termica. Ciò avviene in quanto il calore è diffuso in maniera uniforme su pentole e padelle. L’impatto ambientale è sensibilmente ridotto.

Risparmiare in cucina con il meal prep

Il meal prep viene dall’inglese e sta per “Meal Preparation”, cioè preparazione dei pasti. È un metodo molto diffuso nei paesi anglosassoni che predilige la pianificazione e la preparazione in anticipo di tutti (o quasi) i pasti della settimana. Non si tratta di un metodo innovativo: quello della lista della spesa e della pianificazione in cucina è uno dei più famosi principi di economia domestica, tramandato dai nostri nonni. Il meal prep viene in aiuto a chi non ha tempo di cucinare direttamente durante la settimana e vuole, o può, dedicarsi ai fornelli solo durante il weekend. Il risparmio è assicurato: in cucina ci saranno meno sprechi e diventa più facile fare attenzione a quello che si mangia.

Il meal prep si divide in tre fasi:
 

  • Fase uno: pianificazione. Decidere quali piatti mangiare, quali sfizi concedersi e stilare una lista della spesa puntuale. In questa fase è opportuno ricordarsi l’acquisto di eventuali contenitori ermetici. Alla fine del meal prep potrebbe essere necessario utilizzarne diversi.
  • Fase due: fare la spesa
  • Fase tre: preparazione. Si decide una giornata in cui passare 2-3 ore in cucina per preparare il tutto. Molti cibi possono essere congelati. L’importante è apporre sul contenitore un'etichetta su cui annotare il giorno di preparazione e di congelamento. Non tutti gli alimenti mantengono le loro priorità nutrizionali per lo stesso tempo e non bisogna correre il rischio di mangiare qualcosa di nocivo.

Ricette cucina per risparmiare: prediligere gli ingredienti di stagione

Le ricette per risparmiare in cucina sono moltissime. Una classica pasta al pomodoro è un piatto tipicamente economico, attento al risparmio in cucina. Ma lo stesso non si può dire di una caprese. I pomodori, infatti, non sono di stagione tutto l’anno e la stagionalità incide notevolmente sui costi di frutta e verdura. Prediligere gli ingredienti di stagione è la prima regola per risparmiare in cucina.

Infine, Il risparmio maggiore in cucina proviene proprio dalla scelta di un’offerta gas conveniente. Non tutte sono uguali e affidarsi a quelle di Acea Energia può fare la differenza.

Scopri le offerte Acea Energia per la tua casa

Luce e Gas

 

Le nostre offerte Luce e Gas

pensate per la tua casa

SCOPRI DI PIÙ

Luce

 

Le nostre offerte  Luce

pensate per la tua casa

SCOPRI DI PIÙ

Gas

 

Le nostre offerte  Gas

pensate per la tua casa

SCOPRI DI PIÙ
chiudi
Entra in MyAcea

Gestisci in totale autonomia il tuo contratto dall’area clienti

Attiva
la Bolletta Web

Paga
una fattura

Comunica
l'autolettura

Sottoscrivi
un nuovo contratto

 

Non sei registrato a MyAcea?

Crea adesso il tuo account.
Ci vorranno solo pochi minuti.

Registrati