Potenza del contatore: cos'è e quanto costa aumentarla

Cosa faccio se supero la potenza del contatore? È la domanda che ci siamo posti almeno una volta nella vita, soprattutto davanti a un contatore luce spento, guasto o che non funzionava correttamente.

La potenza del contatore gas o elettrico incide sui costi fissi e variabili in bolletta spesso assorbendo quantità di energia superiore al limite contrattuale consentito (potenza massima contatore). Ecco perché è fondamentale sceglierla in rapporto al reale fabbisogno energetico, valutando diversi fattori, dal numero di apparecchi ed elettrodomestici presenti nell’abitazione e i relativi kW assorbiti agli effettivi consumi domestici. Scopriamo qui come aumentare la potenza del contatore luce adeguandola alle proprie esigenze e quali sono i costi.

Aumento potenza contatore elettrico: quando e perché richiederlo

Il contatore elettrico di un'utenza domestica residente ha in genere bisogno di una potenza pari a 3 kW. Ma capita spesso che l’utilizzo contemporaneo di molti elettrodomestici soprattutto se energivori (come caldaia elettrica, forno elettrico, lavatrice), sovraccarichi l’impianto che quindi va in blocco. In questo caso il contatore scatta arrestando, anche se solo temporaneamente, la fornitura di corrente della nostra abitazione; per ripristinarla basterà sollevare la leva del contatore riportandola nella posizione di accensione. Se i blackout diventano frequenti però, una volta accertato che non ci siano dispersioni elettriche, potrebbe voler dire che qualcosa non va: è il primo segnale secondo cui potresti avere bisogno di aumentare la potenza del contatore luce a 4,5 kW o a 6 kW. Il motivo potrebbe essere che con ogni probabilità stai consumando una quantità di energia superiore a quella resa disponibile dal tuo contratto di fornitura elettrica.

Prima di procedere a una modifica della potenza del contatore è necessario però capire qual è la tua potenza di partenza.

Potenza contatore elettrico casa: come trovarla

Il contatore misura il flusso di energia usata dal cliente, tra le informazioni fornite c’è quindi anche il dato sulla potenza contrattualizzata espressa in kW. Ma non basta, prima di rivolgersi al fornitore per effettuare un cambio di potenza del contatore, l’utente dovrà conoscere bene due dati essenziali: potenza istantanea e potenza disponibile. Vediamo nello specifico di cosa si tratta.

  • Potenza istantanea contatore: non è altro che la quantità totale di energia consumata dalla propria utenza nei diversi momenti della giornata. In una casa dove, ad esempio, sono in funzione un frigorifero da 200 W, un’aspirapolvere da 600 W e un condizionatore da 2.000 W, la potenza istantanea sarà di 2,8 kW, ovvero la somma della potenza consumata dai tre apparecchi. Il valore della potenza istantanea si legge sul display dei moderni contatori elettronici, che oltre ai dati generici utili per l’autolettura, forniscono anche il valore della potenza registrata al momento della consultazione, ovvero quello relativo alla quantità di energia consumata dai tuoi elettrodomestici in un dato momento.
  • Potenza disponibile contatore: si riferisce alla quantità massima di potenza che può essere usata su un determinato contatore, un livello soglia oltre il quale l'impianto va in blocco. Solitamente ha una tolleranza pari al 10% in più della potenza contrattuale o impegnata, cioè quella che il cliente ha richiesto e sottoscritto con il proprio fornitore in fase contrattuale. Di solito è indicata nella bolletta, nella sezione "Tipologia di contratto" o "Dati di fornitura.

Il contatore salterà quando la potenza istantanea eccede a quella disponibile. Solo con la consapevolezza dei propri consumi effettivi e della quantità massima di energia utilizzabile (facilmente verificabili tramite la lettura della bolletta), il cliente potrà decidere se chiedere o meno un aumento di potenza del contatore.

Potenza del contatore della luce

Come aumentare la potenza contatore luce

Cosa fare dunque se la potenza contrattuale non è più sufficiente? Il primo passo sarà contattare il proprio fornitore di energia elettrica (telefonicamente oppure online tramite l’area riservata clienti) per comunicare la potenza di cui si ha bisogno.
L’aumento o la riduzione della potenza di un contatore può essere richiesta sulla base di scaglioni di 0,5 kW ciascuno; così, una potenza impegnata di 3 kW si può aumentare fino a 3,5 kW, 4 kW, 4,5 kW, e così via. Si va da una potenza minima utilizzabile di 1,5 kW a un massimo di 6 kW in una scala di valori in cui:

  • 1,5 kW è una potenza inadeguata a tenere in funzione tutti gli elettrodomestici generalmente usati in una casa. Può essere sufficiente per abitazioni molto piccole o aree della casa con un contatore indipendente.
  • 3 kW è la potenza media impegnata nella maggior parte delle case degli italiani. È infatti la quantità sufficiente per assicurare l’accensione simultanea degli elettrodomestici presenti normalmente in una abitazione.
  • 4,5 kW è l’ideale per nuclei familiari numerosi che necessitano di una quantità elevata di elettrodomestici e spesso ad alto consumo (impianti di condizionamento, congelatori, scaldabagni).
  • 6 kW è il massimo della potenza disponibile e può essere richiesto nel caso di abitazioni grandi e con molti elettrodomestici.

Definita dunque la nuova potenza di cui si avrà bisogno, in base al numero e alla classe energetica di elettrodomestici presenti, non resta che comunicare al proprio fornitore i dati della fornitura (come il nome dell’intestatario, il codice cliente e il POD) e il valore della potenza impegnata che si desidera avere. Sarà compito del fornitore comunicare la richiesta al distributore di energia entro e non oltre due giorni lavorativi.

Scopri le nostre offerte 100% ECO per la tua casa


Luce e Gas 100% ECO


Energia elettrica da fonti rinnovabili come attestato da garanzia d'origine e gas con compensazione delle emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIÙ

Luce 100% Green


Energia elettrica da fonti rinnovabili come attestato da garanzia d'origine da fonti rinnovabili.

SCOPRI DI PIÙ

Gas 0% CO2


Gas con compensazione
delle emissioni di CO2.


SCOPRI DI PIÙ

Costo aumento potenza contatore elettrico

Ma quanto costa aumentare la potenza del contatore? Dal 1° aprile 2017 fino al 31 dicembre 2023 molto di meno, grazie ad una riduzione dei costi decisa dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambienti) che ha eliminato per questo periodo il contributo fisso amministrativo e diminuito del 20% il costo dovuto per ogni kW aggiunto.

Per un aumento della potenza del contatore i costi variano però in base al mercato di appartenenza del consumatore.

Per i clienti del mercato tutelato le spese includono:

  • il contributo fisso amministrativo di 25,20 € (eliminato fino a dicembre 2023 per le utenze domestiche);
  • una quota potenza fissa (ossia l’importo da pagare in relazione alla potenza assegnata, indipendentemente dal consumo di energia) di 71,32 € per ogni kW aggiunto (ridotta a 56,16 per le utenze domestiche fino al 31 dicembre 2023);
  • un costo fisso di 23 € per la gestione della pratica.

Per i clienti del mercato libero invece i costi cambiano in base alle condizioni contrattuali stipulate con il fornitore. Rimangono però:

  • ​il contributo amministrativo di 25,20 € (da cui sono esenti fino al 31 dicembre 2023 tutte le utenze domestiche);
  • la quota potenza fissa aggiuntiva di 71,32 €/kW (ridotta a 56,16 €/kW per le utenze domestiche fino al 31 dicembre 2023).
Potenza del contatore della luce

Costi per la riduzione potenza contatore luce

In questo caso fino al 31dicembre 2023 sia i clienti del mercato libero sia quelli del servizio di maggior tutela, potranno usufruire dell’esenzione del contributo fisso amministrativo di 25,20 €, e non dovranno sostenere i costi per la quota potenza, previsti solo per l’aumento dei kW.
Per gli utenti del mercato tutelato resta il contributo fisso di 23 € per la gestione della pratica, per gli altri il costo dipende dalle singole condizioni contrattuali.

La scelta della potenza del contatore della luce incide infine sui costi in bolletta. Conoscere le proprie abitudini e monitorare i consumi utilizzando ad esempio delle app dedicate, è quindi fondamentale per scongiurare sorprese in bolletta. Complice anche la decisione di affidarsi a un fornitore trasparente e attento alle esigenze del cliente come Acea Energia con le sue offerte luce 100% Green in cui l’energia elettrica che ti forniamo è attestata da "Garanzia d’Origine" ossia dalla certificazione elettronica che attesta l’origine rinnovabile delle fonti utilizzate per la produzione di energia elettrica.

26 settembre 2022

 

 

chiudi
Scopri MyAcea Energia

L’area in cui puoi gestire in completa autonomia le tue forniture Luce e Gas

Comunica
l'autolettura

Controlla
i tuoi consumi

Attiva
la domiciliazione

Scegli
Bolletta web

 

Sei già cliente Acea Energia?

Accedi subito alla
tua area riservata

Accedi